Migranti, doppia tragedia nel mare turco: annegano 6 bambini siriani
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Migranti, doppia tragedia nel mare turco: annegano 6 bambini siriani

Mondo
Typography

Sei bambini siriani sono morti annegati dopo che la barche sulla quali viaggiavano sono affondate al largo della Turchia.

La prima tragedia è avvenuta nelle acque della Penisola di Bordum, costa sudoccidentale del Paese. La Guardia costiera turca ha annunciato il decesso di due fratellini siriani: Diven Halil Hussein, un anno, e Beren Halil Hussein. Viaggiavano insieme ad altri 23 rifugiati, che sono stati tratti in salvo. Altri quattro bambini hanno perso la vita invece mentre navigavano con altre 55 persone al largo della provincia di Canakkale sulla costa occidentale turca. Sull'imbarcazione viaggiavano cittadini siriani e afghani diretti all'isola greca di Lesbo.

Nel complesso, la Guardia costiera turca ha condotto otto operazioni nella notte per salvare migranti che avevano intrapreso la traversata verso la Grecia nonostante le cattive condizioni meteorologiche. Tre sono state le imbarcazioni tratte in salvo con 357 persone a bordo, tra cui donne e bambini, assistiti con coperte, vestiti, cibo e acqua. L'Organizzazione internazionale per le migrazioni stima che almeno 3.138 rifugiati abbiano perso la vita quest'anno mentre cercavano di varcare il Mar Mediterraneo. Secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati sono stati oltre 643mila gli arrivi in Europa via Mar Mediterraneo nel 2015.