Siria, miliziani dell'Is lapidano una donna a Raqqah, ma lei scappa e si salva
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 754 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Siria, miliziani dell'Is lapidano una donna a Raqqah, ma lei scappa e si salva

Mondo
Typography

Fugge dopo essere stata lapidata e si salva. E' questa l'agghiacciante vicenda che ha per protagonista una donna della città di Raqqah, la roccaforte dell'organizzazione dello Stato islamico (Is) in Siria.

A riferire la notizia è l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede a Londra, che cita "fonti ben informate" secondo cui la donna, accusata di "adulterio", è stata lapidata in una via di Raqqah, nel nord della Siria. I suoi aguzzini pensavano fosse morta, invece lei si è alzata all'improvviso dandosi alla fuga. Uno dei miliziani ha cercato di ucciderla a colpi di pistola, ma uno dei "giuristi dell'organizzazione" glielo ha impedito. "La sentenza è stata eseguita, che si penta di fronte a Dio", avrebbe detto il giurista, esortando gli altri miliziani a lasciarla andare.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003