Papa in moschea: 'Cristiani e musulmani fratelli, diciamo no a odio e vendetta'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 832 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Papa in moschea: 'Cristiani e musulmani fratelli, diciamo no a odio e vendetta'

Urbi et Orbi
Typography

"Dobbiamo rimanere uniti, perché cessi ogni azione che, da una parte e dall'altra, sfigura il volto di Dio e che ha in fondo lo scopo di difendere con ogni mezzo interessi particolari, a scapito del bene comune".

E' l'appello che Papa Francesco rivolge "ai fratelli musulmani", durante la visita alla moschea centrale di Bangui, in Centrafrica. "Insieme, diciamo no all'odio, alla vendetta, alla violenza, in particolare a quella che è perpetrata in nome di una religione o di un Dio: Dio è pace, 'salam'!". Papa Francesco esorta alla pace: "Tra cristiani e musulmani siamo fratelli, dobbiamo dunque considerarci e comportarci come tali". "La vita eterna non è un'illusione, non è una fuga dal mondo: essa è una potente realtà che ci chiama e che ci impegna alla perseveranza nella fede e nell'amore", ha spiegato Papa Francesco nell'omelia.

"Soprattutto quando i tempi sono difficili, quando le prove e le sofferenze non mancano, quando l'avvenire è incerto e ci si sente stanchi, temendo di non potercela fare, è bene riunirsi attorno al Signore, come facciamo oggi - afferma il Pontefice - per gioire della sua presenza, della vita nuova e della salvezza che ci propone, come un'altra riva verso la quale dobbiamo tendere". E, osserva il Papa, "quest'altra riva è certamente la vita eterna: questo sguardo rivolto verso il mondo futuro ha sempre sostenuto il coraggio dei cristiani, dei più poveri, dei più piccoli, nel loro pellegrinaggio terreno. Ma l'altra riva più immediata, che noi cerchiamo di raggiungere, questa salvezza procurata dalla fede, è una realtà che trasforma già la nostra vita presente e il mondo in cui viviamo".

"Ogni battezzato deve continuamente rompere con quello che c’è ancora in lui dell’uomo vecchio, dell’uomo peccatore, sempre pronto a risvegliarsi al richiamo del demonio, che agisce nel nostro mondo e in questi tempi di conflitti, di odio e di guerra per condurlo all’egoismo, a ripiegarsi su se stesso e alla diffidenza, alla violenza e all’istinto di distruzione, alla vendetta, all’abbandono e allo sfruttamento dei più deboli". "Certamente, abbiamo tutti da chiedere perdono al Signore per le troppe resistenze e per le lentezze nel rendere testimonianza al Vangelo".

E' quanto afferma Papa Francesco, nell'omelia della messa celebrata allo stadio di Bangui, ultimo incontro della sua visita apostolica in Centrafrica. "Noi sappiamo anche quanta strada le nostre comunità cristiane, chiamate alla santità, abbiano ancora da percorrere. Che il Giubileo straordinario della Misericordia, appena iniziato nel vostro Paese, ne sia l’occasione", è l'esortazione finale del Papa.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003