Strattoni e percosse a bimbi a scuola, indagate due maestre a Napoli
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 634 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Strattoni e percosse a bimbi a scuola, indagate due maestre a Napoli

Italia
Typography

I carabinieri della stazione di Gragnano (Napoli) hanno notificato a due maestre, di cui una di sostegno, la misura cautelare dell'obbligo di dimora per maltrattamenti su alcuni alunni, uno dei quali con disabilità psichica.

La misura cautelare, con la prescrizione di non allontanarsi dall'abitazione dalle 8.00 alle 19.00, è stata emessa dal gip del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della procura. L'indagine è iniziata nel febbraio scorso dopo la denuncia di una mamma che ha raccontato che il figlio non voleva più andare a scuola per le violenze subite.

Dalle testimonianze e dalle intercettazioni audio e video raccolte dai carabinieri, spiegano gli stessi militari, sono emersi "vari episodi di maltrattamenti sia fisici, come percosse, prese violente e strattoni, sia psicologici, come urla, rimproveri spropositati e spesso ingiustificati". Una delle due maestre sottoposte a obbligo di dimora è un'insegnante di sostegno.