Maltempo, frana nella diga dell'ex miniera di Montevecchio: nessun ferito
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 261 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Maltempo, frana nella diga dell'ex miniera di Montevecchio: nessun ferito

Italia
Typography

Un'imponente frana stamani intorno alle 6 si è staccata dalla parete di una montagna nella ex miniera piombozincifera di Montevecchio, in comune di Guspini, nella Provincia del Medio Campidano, in Sardegna.

L’enorme massa di terra e rocce è andata a finire all’interno di una diga in località “Sant’Antonio”, facendo tracimare l’enorme massa d’acqua contenuta nel bacino artificiale, causando un’onda che ha superato lo sbarramento artificiale e provocando un effetto ‘Vajont’. Foto Lo smottamento è dovuto alle intense piogge di questi ultimi giorni che, penetrando nella montagna, hanno riempito le gallerie abbandonate della miniera. L’acqua sta continuando a tracimare dalla diga trascinando detriti.

Non ci sono feriti. Sul posto è arrivato il sindaco di Guspini, Giuseppe De Fanti che ha ordinato la chiusura della strada provinciale 66 Guspini-Montevecchio. Sul posto stanno operando i vigili del fuoco, carabinieri di Montevecchio e Guspini, la protezione civile e gli operai del comune e della provincia per liberare la strada dai detriti. Allagate e in parte danneggiate le strutture della ex miniera a valle della diga, dove sono stati allestiti delle sale museali. In corso di quantificazione i danni.