Caso Marò, la Corte Suprema India concede altri tre mesi a Latorre
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 110 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Caso Marò, la Corte Suprema India concede altri tre mesi a Latorre

Italia
Typography

La Corte Suprema indiana ha concesso a Massimiliano Latorre di rimanere altri tre mesi in Italia per motivi medici. Lo riferiscono i media indiani. Lo scorso 12 settembre, il fuciliere di marina aveva ottenuto il permesso di curarsi in Italia dopo l'ictus che lo aveva colpito il 31 agosto.

Il permesso era scaduto il 12 gennaio, ma nel frattempo Latorre è stato operato al cuore il 5 gennaio. In India rimane l'altro marò, Savatore Girone. ''Siamo felici per la proroga. Massimiliano potrà continuare a seguire il processo di riabilitazione e di cura, che serve davvero alla sua salute. Ora confidiamo che questi tre mesi servano a risolvere definitivamente questo caso'', ha detto all'Adnkronos Paola Moschetti, compagna di Latorre, commentando a caldo la notizia. Tweet