Reggio Calabria: gambizzato in bar, arrestato ex cognato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 925 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Reggio Calabria: gambizzato in bar, arrestato ex cognato

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Un uomo, Antonino Ascrizzi, di 47 anni, è stato arrestato dai carabinieri a Reggio Calabria perchè accusato di essere l'autore del ferimento a colpi di pistola dell'ex cognato, Giuseppe Amadeo, 50 anni, avvenuto il 16 marzo scorso in un bar.

 

All'arrestato i carabinieri hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Reggio Calabria che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica. Ascrizzi, secondo l'accusa, sarebbe entrato in un bar di Reggio Calabria ed avrebbe sparato due colpi di pistola ferendo Amadeo alle gambe. La vittima fu soccorsa ed accompagna in ospedale. I carabinieri hanno individuato Ascrizzi attraverso le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza. Gli investigatori hanno ritrovato il casco e la pistola utilizzata per il ferimento. Il movente del violento gesto è riconducibile, secondo gli investigatori, alla separazione tra la vittima e la sorella di Ascrizzi.