PALERMO. Mafia: processione davanti casa Riina
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 660 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

PALERMO. Mafia: processione davanti casa Riina

Italia
Typography

Indagine su 'inchino'. Vescovo Monreale, voglio chiarezza

PALERMO, 4 GIU - L'ultima processione che ha attraversato le strade di Corleone si è fermata per un "inchino" davanti alla casa dove abita Ninetta Bagarella, la moglie del capo di Cosa Nostra Totò Riina.

 

PALERMO. Mafia: processione davanti casa Riina
PALERMO. Mafia: processione davanti casa Riina

 

L'episodio risale a domenica scorsa. Polizia e carabinieri presenti hanno subito lasciato il corteo inviando una relazione alla Dda della Procura. Dai primi accertamenti è emerso che uno dei membri della confraternita di San Giovanni Evangelista, Leoluca Grizzafi, incensurato, sarebbe cugino di secondo grado della Bagarella. Il parroco di Santa Maria, padre Domenico Mancuso, si è detto "amareggiato". Dura la posizione del vescovo di Monreale, monsignor Michele Pennisi: "Su episodi come questi non transigo. Ho già nominato una commissione d'inchiesta, aspetto la relazione". Il vescovo proporrà un protocollo d'intesa al Questore: le soste delle processioni dovranno essere concordate con le forze dell'ordine. Mons. Pennisi aveva imposto una clausola alle confraternite:"nessun pregiudicato per mafia ne può far parte". (Ansa)