Caserta: furbetti cartellino, avvio licenziamenti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 129 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Caserta: furbetti cartellino, avvio licenziamenti

Italia
Typography

L'Asl di Caserta ha avviato le procedure per il licenziamento dei 16 dipendenti, tra medici e infermieri, indagati per truffa ai danni dello Stato nell'ambito dell'inchiesta sull'assenteismo nei luoghi di lavoro della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

 

Lo si apprende dal commissario dell'Asl Giuseppe Matarazzo. Dei 16 dipendenti indagati, tutti in servizio negli uffici del Distretto Asl del comune di Maddaloni (Caserta), lo scorso 15 giugno, giorno di approvazione della riforma della pubblica amministrazione da parte del Consiglio dei Ministri, nove sono finiti agli arresti domiciliari, sette sono stati raggiunti dal provvedimento cautelare di sospensione dalla professione; cinque indagati avevano il ruolo di funzionario pubblico, tra questi i due responsabili del dipartimento di medicina legale.