Tragedia senza fine a Lampedusa, oltre 200 morti nel naufragio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 244 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Tragedia senza fine a Lampedusa, oltre 200 morti nel naufragio

Italia
Typography

Salgono a 203 i profughi morti nel Canale di Sicilia. La conferma arriva da Carlotta Sami dell'Unhcr che ha raccolto le testimonianze dei nove migranti soccorsi da un rimorchiatore a oltre cento miglia da Lampedusa e arrivati poche ore fa sull'isola.

"Complessivamente erano tre i gommoni con i migranti a bordo - spiega Sami all'Adnkronos - su uno c'erano anche i 29 profughi poi morti assiderati e i 76 superstiti. Su altri due gommoni c'erano più di 210 persone. Di queste ne sono state tratte in salvo solo nove". Secondo il racconto dei superstiti ai mediatori culturali su un gommone c'erano 105 immigrati e sull'altro 107. "Uno dei due gommoni è affondato - raccontano tra le lacrime - e l'altro si è sgonfiato davanti provocando il panico a bordo".

I nove superstiti sono stati tratti in salvo dal rimorchiatore che poi li ha trasportati a Lampedusa. Intanto verranno trasferite oggi da Lampedusa a Porto Empedocle (Agrigento) le ventinove salme dei profughi morti assiderati dopo il soccorso nel Canale di Sicilia a 110 miglia dall'isola che ha scatenato polemiche sulle dinamiche di salvataggio. Il prefetto di Agrigento Nicola Diomede sta coordinando le operazioni per dare una sepoltura alle vittime. Già una ventina di Comuni della provincia di Agrigento ha risposto all'appello del prefetto. Intanto sono stati ascoltati ieri fino a tardi i 75 superstiti.

Gli uomini della Squadra mobile di Agrigento e della Polizia scientifica di Palermo hanno interrogato i migranti che si trovavano a bordo dell'imbarcazione soccorsa. Dai primi racconti emerge che il gommone, dove erano stipati gli oltre cento profughi, è rimasto in mare per tre giorni e che quasi subito ha cominciato a imbarcare acqua. Ai superstiti è stato chiesto di fare un elenco delle persone e dei compagni di viaggio per avere una lista completa dei nomi e cognomi. Uno solo dei cadaveri è stato identificato. Si tratta di un ivoriano di 31 anni. L'età media delle vittime è tra i 18 e i 25 anni.