CALABRIA. Traffico di reperti archeologici: arresti nel clan Mancuso
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 540 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

CALABRIA. Traffico di reperti archeologici: arresti nel clan Mancuso

Calabria Regione
Typography

E’ scattata questa mattina l’operazione ‘Purgatorio’ che ha portato i carabinieri del Nucleo Tutela del patrimonio culturale di Cosenza e del Ros di Catanzaro a eseguire l’arresto di diversi soggetti accusati di traffico illecito di reperti archeologici trafugati dalle più importanti aree archeologiche della Calabria.

Reperti archeologici risalenti all’epoca greca trafugati negli anni, che dopo essere spariti, sarebbero stati piazzati sul mercato illegale, in particolare quello estero.L’organizzazione secondo gli inquirenti è riconducibile alla cosca di ‘ndrangheta capeggiata dal presunto del boss Pantaleone Mancuso, 68enne di Limbadi, detto “Vetrinetta”. Eseguite inoltre perquisizioni nelle province di Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli, Avellino, Roma e Asti.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003