COSENZA. La cantante jazz Jacqui Naylor al Teatro Morelli martedì 21 aprile per 'AlterAzioni Festival'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 383 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

COSENZA. La cantante jazz Jacqui Naylor al Teatro Morelli martedì 21 aprile per 'AlterAzioni Festival'

Cosenza e Provincia
Typography

Sono stati in molti, complice una notevole somiglianza fisica, a scatenare i paragoni con la vocalist e pianista canadese Diana Krall, nome di spicco del jazz internazionale.

Certamente meno famosa della Krall, Jacqui Naylor, cantante della scena jazz statunitense è comunque un nome rappresentativo per il pubblico americano. In tour in Italia, è stata intercettata dagli organizzatori di “AlterAzioni Festival”, la rassegna di musica internazionale, diretta da Marco Verteramo, promossa da MK Live e Be-Alternative (due realtà molto collaudate nell’ambito dell’organizzazione di eventi musicali e culturali cosentini) e patrocinata dall’Assessorato al teatro, agli eventi e allo spettacolo guidato da Rosaria Succurro.

E domani, martedì 21 aprile, sarà a Cosenza, al Teatro “Morelli”, alle ore 21,00, per il terzo appuntamento proposto dalla rassegna. Jacqui Naylor si esibirà a Cosenza in quartetto, accompagnata da Art Khu ( chitarra e piano), Giorgio Vendola al basso e Josh Jones alla batteria. Nel corso del concerto, saranno riproposti , tra l’altro, i brani dell’ultimo album della vocalist californiana che riecheggiano atmosfere lontane e grandi voci, riletture attinte dal grande songbook del jazz con citazioni di Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald e Billie Holiday, ma anche Amy Winehouse e Freddie Mercury. Jacqui Naylor è un’artista molto “jazz-friendly”, il suo stile si è sviluppato grazie ad una lunga lista di influenze e al suo lavoro introspettivo. Le influenze, oltre a Billie Holiday, includono anche June Christy, Nina Simone, Tracy Chapman, Natalie Merchant, Carole King, e Sheryl Crow.

Pur rimanendo ancorata a quelle voci che hanno rappresentato per lei una sorta di luminosissimo faro, la Naylor ha comunque sviluppato un personale stile molto riconoscibile. Nel suo repertorio particolarmente articolato e vario, figurano, oltre ad alcuni standard jazz anche brani dei Rolling Stones o dei Talking Heads, il tutto sottolineato da arrangiamenti totalmente originali. Jacqui Naylor ha registrato il suo omonimo album di debutto (Jacqui Naylor) nel 1998 e ha fondato la sua etichetta indipendente, Ruby Star Records, l'anno successivo. Ha continuato a registrare molti altri album con la Ruby Star Records, tra cui "Live at the Plush Room in 2001," Shelter ", nel 2003, il doppio CD set "Live East West Birdland-Yoshi's " nel 2005," The Color Five "nel 2006 , "Smashed for the Holidays" nel 2007, "You Do not Know Jacq" nel 2008, "Lucky Girl" nel 2011, e "Dead Divas Society" nel 2013. Un documentario DVD , "Lucky Girl - a Portrait di Jacqui Naylor”, è stato prodotto da ArtiDocs nel 2012.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003