RENDE (CS). 'Vita microbica su Marte?' il convegno organizzato dall’Ordine dei Geologi della Calabria
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 646 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

RENDE (CS). 'Vita microbica su Marte?' il convegno organizzato dall’Ordine dei Geologi della Calabria

Cosenza e Provincia
Typography

Il convegno, svoltosi il 22 maggio scorso presso il Museo del Presente di Rende, organizzato dall’Ordine dei Geologi della Calabria, ha posto l’attenzione sulla possibilità di vita microbica su Marte.

Sono state messe insieme conoscenze scientifiche e tecniche su un tema che appassiona gli esperti di tutto il mondo. Nel corso dei lavori, introdotti e moderati dal Presidente dell’Ordine dei Geologi, Francesco Fragale, è stata illustrata una recente ricerca d’interesse internazionale, sviluppata da alcuni studiosi di alto spessore scientifico, che avvalorerebbe la possibilità di tracce di vita microbica sul pianeta Marte. I lavori sono stati aperti con l’intervista al giornalista scientifico Giovanni Bignami, relativa alla presenza di tracce biologiche sul pianeta Marte, andata già in onda su RAI 3 nel corso di una trasmissione di “Geo&Geo”. Sono seguite le relazioni degli autori della ricerca scientifica, Nicola Cantasano, Vinvenzo Rizzo e Giorgio Bianciardi, che hanno illustrato i loro studi.

Il biologo Nicola Cantasano, ricercatore del CNR, in forza presso la Sezione di Rende dell’Istituto per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo (ISAFOM), ha sintetizzato le principali caratteristiche biologiche dei Cianobatteri, pionieri della vita sulla Terra e probabili precursori di processi di evoluzione biologica avvenuti nel “pianeta Rosso”, circa 3,5 miliardi di anni fa. E’ seguita la relazione del geologo Vincenzo Rizzo, già ricercatore del CNR-IRPI (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica), che ha mostrato le morfologie caratteristiche del sistema idrogeologico marziano ed i parallelismi strutturali tra le microbialiti terrestri ed i sedimenti laminati del pianeta Marte.

Infine, Giorgio Bianciardi, professore dell’Università di Siena, ha illustrato i risultati di una approfondita analisi matematica multi-frattale sulle “stromatoliti” terrestri ed i depositi superficiali del suolo marziano che provano la loro perfetta similitudine, e, quindi, una loro comune origine biologica. Il convegno è stato concluso da un filmato del National Geographic, realizzato da Chris McKay, sulla terra-formazione di Marte.

Al convegno sono inoltre intervenuti il Consigliere Nazionale dell’Ordine dei Biologi, Giovanni Misasi, il professore ordinario di Fisica della Materia dell’Unical, Pierluigi Veltri, ed il professore ordinario di Geologia nonché Presidente del corso di laurea in Scienze Geologiche dell’Unical, Salvatore Critelli. “L’Ordine dei Geologi – ha dichiarato il Presidente Francesco Fragale – pone grande attenzione verso temi scientifici di una certa rilevanza. La divulgazione scientifica, oltre a rappresentare un momento di formazione professionale per i tecnici del settore, in questo caso ha rappresentato anche un momento culturale per la collettività e l’Ordine dei Geologi è consapevole dell’importante ruolo sociale che può svolgere in questo ambito”.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003