COSENZA. Bimbo annegato a Campagnano, rinviate a giudizio cinque persone
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 735 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

COSENZA. Bimbo annegato a Campagnano, rinviate a giudizio cinque persone

Cosenza e Provincia
Typography

Cinque persone sono state rinviate a giudizio con l’accusa di omicidio colposo per la morte di Giancarlo Esposito, il bambino di 4 anni annegato nel luglio dello scorso anno mentre faceva il bagno nella piscina comunale di Cosenza.

L’impianto in cui morì il bambino è gestito dal Cogeis, il Consorzio cosentino per la gestione degli impianti sportivi. Le persone per quali è stato disposto il processo sono il legale rappresentante del Cogeis, Carmine Manna, e le educatrici che erano di turno nel momento in cui morì il bambino, Franca Manna, Luana Coscarello, Martina Gallo e Ilaria Bove.

La famiglia del bambino si è costituita parte civile, rappresentata dagli avvocati Ernesto D’Ippolito e Ugo Ledonne. La prima udienza del processo è stata fissata per il 13 gennaio del 2016. “Speriamo si faccia chiarezza sulla morte di nostro figlio”, hanno detto i genitori del bambino tramite i loro legali.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003