ROSSANO (CS): Procura apre indagine su nubifragio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 1080 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

ROSSANO (CS): Procura apre indagine su nubifragio

Cosenza e Provincia
Typography

Pm intendono accertare se vi possano essere responsabilità

ROSSANO (COSENZA), 15 AGO - La Procura di Castrovillari, competente sul territorio di Corigliano e Rossano, ha aperto un fascicolo d'indagine sui danni provocati dal nubifragio che ha colpito il litorale ionico mercoledì mattina.

images/1-news/2015/07-cosenza/02/nubifraggio-costa-jonica-1.jpg
images/1-news/2015/07-cosenza/02/nubifraggio-costa-jonica-1.jpg

L'intento della Procura è accertare se vi possano essere responsabilità su quanto accaduto. Secondo quanto si è appreso, i magistrati si sarebbero già rivolti ad un esperto per avere una relazione sullo stato dei luoghi in cui si è verificata l'esondazione del torrente Citreo.

Sono drasticamente calati gli evacuati per il nubifragio di Rossano. Un centinaio di persone ha trascorso la notte nei centri di accoglienza rispetto ai 500 della prima notte. Alcuni sono riusciti a tornare nelle proprie abitazioni, mentre altri hanno trovato ospitalità da amici o parenti. Stamani, intanto, il prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao ha effettuato un sopralluogo nelle zone più colpite per verificare come procedono i lavori e stabilire ulteriori interventi.

La Conferenza Episcopale Italiana ha stanziato "un significativo contributo economico", attingendo ai fondi 8 per mille, per aiutare le popolazioni della Calabria colpite dal violento nubifragio che tra lunedì 11 e martedì 12 agosto ha interessato lo Jonio cosentino ha colpito profondamente le città di Corigliano e Rossano.

Il fango è ancora presente su strade, in abitazioni e locali, ma Rossano vuole tornare alla normalità. Stamani, approfittando anche della bella giornata di sole, la gente è tornata ad occupare le spiagge del lungomare nel tratto non colpito dal nubifragio. I lidi risparmiati dalla furia delle acque sono tornati ad aprire gli ombrelloni a poche decine di metri dalla zona colpita. Gli operatori turistici, infatti, stanno lavorando in tempi record per cancellare il ricordo dell'alluvione e far sì che il lungomare torni ad essere, per vacanzieri e ospiti, meta privilegiata del divertimento e del relax. (Ansa)

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003