Dottoressa italiana uccisa in Kenya durante rapina. Tre feriti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Ven, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 1028 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Dottoressa italiana uccisa in Kenya durante rapina. Tre feriti

Mondo
Typography

La dottoressa italiana Rita Fossaceca di 51 anni è stata uccisa durante una rapina in una casa privata a Watamu, in Kenya, dove era con il padre e altri cinque italiani, tre dei quali rimasti feriti.

A renderlo noto è la stessa associazione umanitaria internazionale For Life Onlus con cui collaborava la radiologa dell'ospedale Maggiore di Novara. "A volte succedono cose inspiegabili", scrivono sul loro sito, "la dottoressa Rita Fossaceca non c'è più, ha dato tutta se stessa per l'orfanatrofio e l'infermeria di Mijomboni. Vittima, ha pagato con la vita il suo grande amore per i bambini". ''Le mie più sincere condoglianze e il mio pensiero alla famiglia della Signora Fossaceca, una persona che so essere molto amata e rispettata per la sua profonda dedizione e il suo impegno a difesa dei più deboli, malati e donne in Africa", ha scritto il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni, come si legge in una nota della Farnesina.

"Tutti gli italiani rimasti coinvolti nel feroce atto di violenza di ieri, si trovano in Kenya per fare del volontariato con una ONLUS, una scelta coraggiosa ed ammirevole di cui essere orgogliosi''. "Una notizia bruttissima", commenta all'Adnkronos il portavoce della sezione italiana di Amnesty International Riccardo Noury. "In un momento in cui in tanti si spostano, viaggiano da una parte all'altra del mondo con una carica di odio, la dottoressa al contrario era partita per una ragione nobile: fare del bene ai bambini del Kenya", spiega Noury.

"Quello dei volontari italiani nel mondo è un tributo pesante: sono le nostre truppe di pace disarmate che cercano di fare del bene e di portare pace dove lavorano - aggiunge ancora - la dottoressa era partita dall'Italia carica di amore per i bambini e ha cercato di fare cose concrete per loro e la popolazione locale".

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003