Ferrari debutta in Borsa a 43 euro, poi scivola. Mercati in profondo rosso
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mar, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 546 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Ferrari debutta in Borsa a 43 euro, poi scivola. Mercati in profondo rosso

Italia
Typography

Palazzo della Borsa rosso Ferrari, con le bandiere della casa di Maranello sulla facciata. A Piazza Affari debutta il titolo del Cavallino Rampante dopo la separazione da Fca.

 L'avvio delle contrattazioni è scattato alle 9: alla cerimonia partecipa il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Davanti al Palazzo della Borsa, come era avvenuto a New York in occasione della quotazione a Wall Street, è esposta l'intera gamma della casa di Maranello: una decina di modelli tra i quali l'ultima nata, la F12 Tdf.

 

Ferrari recupera terreno a Piazza Affari dopo un avvio difficile. Il titolo, che ha toccato un minimo di 41,5 euro, quota a 43,23 euro, sui massimi di seduta, riavvicinandosi ai 44 euro per azione della chiusura di New York del 31 dicembre e valorizzando l'intera società 8,17 miliardi di euro. Frena invece Fca, che oggi per la prima volta tratta senza più le azioni della Rossa di Maranello tra i suoi asset. Il titolo scambia a 8,48 euro, dopo aver toccato un massimo di 8,89 euro. La capitalizzazione del gruppo ammonta 10,9 miliardi di euro, contro i 16,6 miliardi di euro dell'ultima seduta dello scorso anno. Allora però la società guidata da Sergio Marchionne deteneva ancora l'80% di Ferrari, il cui valore, alle quotazioni attuali, è pari a 6,5 miliardi.

 

A Palazzo Mezzanotte ci sono Sergio Marchionne, presidente della Ferrari, John Elkann, presidente di Fca, Piero Ferrari, figlio del fondatore Enzo, l'amministratore delegato della casa di Maranello Amedeo Felisa, il direttore del reparto corse Maurizio Arrivabene. Presente anche Lapo Elkann.

 

"Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo. E' un nuovo traguardo, una nuova partenza". Così il presidente di Ferrari Sergio Marchionne dopo il debutto della casa di Maranello in Borsa. "Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini", ha aggiunto.

 

Renzi, quotazione Milano importante, seguano altri - La quotazione a Milano di Ferrari, dopo quella di New York, "è un gesto importante che credo debba essere seguito da altre realtà quotate fuori": lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi a Piazza Affari. "Il 2016 vorrei che fosse l'anno in cui smettiamo di recuperare i ritardi e cominciamo a correre più forte degli altri. In bocca al lupo" ha aggiuntop Renzi. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha voluto ringraziare i vertici di Fca e di Ferrari per la quotazione anche a Milano della casa automobilistica. "Forse - ha detto a piazza Affari - Marchionne lo avrebbe fatto comunque ma in un viaggio a Melfi con lui e John Elkann avevamo chiesto tre cose: sfruttare appieno il jobs act e con le assunzioni a Chieti è stato fatto, non dimenticare l'Ilva e su questo ci sono segnali importanti, e quotare anche a Milano". Il premier ha rivendicato "i risultati eccezionali" di Borsa Italiana che ha chiuso un 2015 con un +13,2%, risultato per cui si è complimentato e ha aggiunto che questa è una "straordinaria occasione per gli investitori, per chi crede che la bellezza si coniughi all'innovazione e all'ingegneria". (Ansa)

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003