Cappelli lascia moglie e figlia 6 anni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Lun, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 706 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Cappelli lascia moglie e figlia 6 anni

Italia
Typography

Era spesso in Bangladesh per seguire la produzione della sua azienda Claudio Cappelli, l'imprenditore del settore tessile di 45 anni ucciso nell' attentato terroristico di Dacca.

 

Era nato a Palermo e risiedeva con la moglie, figlia del proprietario della Fratelli Beretta Salumi, e con la figlioletta di 6 anni a Barzanò (Lecco). La sua famiglia di origine vive invece a Vedano al Lambro (Monza). Nel Paese asiatico aveva da più di cinque anni una filiale della sua azienda di abbigliamento, la 'Star international' con sede legale a Concorezzo (Monza), una ditta con pochi dipendenti che Cappelli aveva fondato con passione e determinazione, come testimonia un suo ex collaboratore. "Era spesso in Bangladesh per curare la produzione, ho appreso la notizia dal telegiornale - spiega l'uomo che ha chiesto di non rivelare il suo nome - ho lavorato nella sua società per qualche tempo, meno di dieci dipendenti e un ambiente sereno. Era una persona che si impegnava molto nel lavoro, riservato rispetto alla sua vita personale e molto legato alla sua bambina. Ho parlato con una mia ex collega, sono tutti sconvolti". Cappelli lascia una bimba di 6 anni, avuta con la moglie Valeria Beretta, figlia del patron della omonima ditta di salumi con sede a Trezzo sull'Adda (Milano). Nell'azienda della famiglia Beretta nessuno risponde, gli uffici sono chiusi e i pochi dipendenti presenti preferiscono non rilasciare commenti. A casa Cappelli rabbia e dolore sono palpabili nelle parole della sorella della vittima, accanto agli inconsolabili genitori Rosa e Massimo: "Sono momenti tragici per tutti noi, siamo sconvolti dalle azioni di quegli infami maledetti assassini", dice. Poi con la voce rotta dal pianto conclude: "Non avremmo mai pensato potesse accadere una cosa del genere...ma ora abbiate pazienza, abbiamo bisogno di silenzio".

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003