Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1288 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Addio a Francesco Rosi, maestro del cinema d'inchiesta: ha raccontato il malaffare

Arte e Cultura
Typography

E' morto a Roma il regista e sceneggiatore Francesco Rosi. Autore di celebri film come 'Le mani sulla città', 'Cronaca di una morte annunciata' e 'Dimenticare Palermo', aveva 92 anni.

Ne dà notizia la famiglia. Rosi nasce a Napoli il 15 novembre del 1922. Si afferma, dopo aver lasciato la facoltà di giurisprudenza, come illustratore di libri per l'infanzia. Contemporaneamente collabora a Radio Napoli, dove intreccia legami d'amicizia con Raffaele La Capria, Aldo Giuffré e Giuseppe Patroni Griffi, con i quali collaborerà spesso in futuro. Si avvicina al mondo dello spettacolo nel 1946: diventa infatti assistente di Ettore Giannini per l'allestimento teatrale di 'O voto' di Salvatore Di Giacomo.

In questo periodo è anche aiuto-regista di Luchino Visconti per i film 'La terra trema' (1948) e 'Senso' (1953), e dopo varie sceneggiature ('Bellissima', 1951, 'Processo alla città', 1952) gira alcune scene del film 'Camicie rosse' (1952) di Goffredo Alessandrini. Nel 1956 co-dirige con Vittorio Gassman il film 'Kean - Genio e sregolatezza'. Il suo debutto come regista risale al 1958 quando dirige il suo primo lungometraggio, 'La sfida', che ottiene il consenso di critica e pubblico. L'anno successivo dirige Alberto Sordi in 'I magliari' (1959), nel quale l'attore romano è un immigrato, che fa la spola tra Amburgo e Hannover e che si scontra con un boss napoletano per il controllo del mercato delle stoffe.

Il nome di Rosi è legato, però, in modo particolare al filone dei film d'inchiesta. Nel 1962 ripercorre la vita del bandito Salvatore Giuliano nell'omonimo film, mentre l'anno successivo dirige Rod Steiger nel suo capolavoro 'Le mani sulla città' (1963), nel quale denuncia con coraggio le collusioni esistenti tra i diversi organi dello Stato e lo sfruttamento edilizio a Napoli. Negli anni Settanta rappresenta l'assurdità della guerra con 'Uomini contro' (1970). Parla, poi, della scottante morte di Enrico Mattei in 'Il caso Mattei' (1972). E' dello periodo 'Cadaveri eccellenti' girato nel 1976 e tratto dal romanzo 'Il contesto' di Sciascia, con Lino Ventura. Nel 1979 realizza la versione cinematografica di 'Cristo si è fermato a Eboli' tratto dall'omonimo romanzo di Carlo Levi, sempre con Volonté protagonista. Nel 1990 Rosi gira anche 'Dimenticare Palermo', con James Belushi, Mimi Rogers, Vittorio Gassman, Philippe Noiret e Giancarlo Giannini.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar

Libri

Il canto di Yvion
Storie di pecore e maghi
Nel ventre della luce
Il solco nella pietra

- SFOGLIABILI - IL CANTO DI YVION -

 

SFOGLIA IL CANTO DI YVION

Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2