Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

MUSICA, SANREMO, l'Ariston come una music-hall

Caffe Italia
Typography

Bocchini, un grande pop up con scala a motore e ledwall mobile

MUSICA, SANREMO, l'Ariston come una music-hall
MUSICA, SANREMO, l'Ariston come una music-hall

26 GEN - L'Ariston come una music-hall: è la scenografia disegnata da Riccardo Bocchini per il 67/o festival di Sanremo, al via il 7 febbraio. Un progetto 'pop up', perché tutto - racconta lo scenografo, al terzo festival consecutivo - nasce dallo spunto offerto da un piccolo oggetto di carta: "Un semplicissimo pop up realizzato con un cartoncino ed una fustella. L'idea è quella di rappresentare lo spazio scenico come un grande pop up, visto da angolazioni diverse, che si trasforma in un gioco progettuale del tutto originale dove la scenografia si unisce alla grafica e alla tecnologia".

"Al centro del fronte della scena - spiega - si consacra il pop up tecnologico: l'andamento armonico delle lamelle nelle parti laterali, in sincronia con quelle centrali, formeranno una scala motorizzata. I due laterali orchestra, messa su tre piani, saranno petali concavi che racchiuderanno il palco. E dietro ci sarà un maestoso ledwall di ultima generazione che si aprirà, permettendo agli ospiti di scendere la scala".