Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 942 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

''Terra, cuore , verita''' nel ciclo arturiano

Amore e Psiche
Typography

A proposito di Tiamat, il drago a cinque teste che ritroviamo nei giochi di ruolo d'ispirazione germanica, si coglie spontaneamente il legame tra il numero 5 (penta, in greco) e il drago stesso.

 

Re Artu e la tavola rotonda
Rappresentazione di una tavola rotonda e dei suoi cavalieri

 

Il numero cinque rimanda inesorabilmente al simbolo della stella a cinque punte (pentacolo) rappresentativa dell'uomo centrato nell'Universo, l'uomo archetipico o superno rintracciabile nella Mistica ebraica col nome di Adam Qadmon. Proprio perché simbolo di potenza, la tradizione esoterica più antica considera il pentacolo un vero e proprio talismano. A tale discorso si ricollega la figura mitologica di Uther Pendragon, il padre di Re Artù. Nel nome Uther è presente la radice etimologica indoeuropea rt che ritroviamo diffusamente in diverse lingue, riconducibile al concetto di potenza (e non di potere) attraverso le parole terra, cuore e verità.

Uther Pendragon, il grande condottiero osannato nella mitologia gallese e non solo, ci riporta alla mitica Era del Cinghiale e dell'Orsa in cui nell' Europa settentrionale era dominante la cultura sapienziale sacerdotale (druidica) distinta da quella temporale rappresentata dal sovrano. Parallelamente nell'antica India troviamo la tradizione sapienziale vedica riportata nelle Upanishad. In Pendragon, tralasciando la radice pen dal significato di monte presente ad esempio nella parola Appennini e volendo riconsiderare il richiamo al numero cinque "penta" che in greco era associabile al neutro panta=tutte le cose, la definizione di grande re acquista ulteriore valore. Soprattutto se relazionata al drago, l'animale che di per sé è simbolo di potenza, in quanto assembla i 4 elementi rintracciabili in natura. Non è casuale infatti che il drago troneggiasse sullo stendardo di Uther Pendragon e che ancora oggi identifichi la bandiera del Galles che ha posto le basi a tale mito.

Quanto detto a proposito del numero 5 ci riconduce anche all'antico Egitto, dove tale numero magico racchiudeva i 4 elementi con l'aggiunta di un quinto, la luna, in riferimento alle energie cosmiche e al mistero dell'Universo. Che si ponga ciò in relazione ai Nephilim o meno, e trasferendo invece tale discorso ad Uther Pendragon, emerge chiaro il nesso tra il grande re e l'antica tradizione sapienziale celtica che contemplava la forte sinergia tra la dimensione terrena e quella dell'Universo. Uther non è più un semplice sovrano, ma insignito di potere "divino" protrarrà il suo regno sotto l'autorità di Artù, il figlio, l'ideatore della tavola rotonda, non a caso rappresentazione terrena delle 12 costellazioni dello Zodiaco. 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003