Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 709 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Allarme asteroide, l'esperto: "Una balla, nessuno schianto in vista"

Italia
Typography

Nessuno schianto di asteroide in vista.

"In questo momento non conosciamo nessun asteroide che abbia una probabilità significativa di cadere sulla Terra nei prossimi 100 anni". Così Giovanni Valsecchi, ricercatore Iaps - Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali, risponde all''allarme' che circola sul web circa la caduta di un corpo celeste in grado di cancellare la civiltà. La fine del mondo, a quanto pare predetta da teorici religiosi, è datata settembre 2015 e avrebbe inizio con lo schianto di un asteroide, tra il 22 e il 28 settembre, cui seguirebbero 7 anni di 'tribolazione'.

"Una balla colossale - spiega all'Adnkronos lo scienziato chiarendo che gli asteroidi sono continuamente monitorati - A settembre, poi, non c'è nulla di significativo che passi nell'orbita della Luna. Detto questo, che un asteroide delle dimensioni di una decina di chilometri, in grado di cancellare l'umanità dal pianeta, cada sulla Terra è un'eventualità che si può verificare ad intervalli di circa 100 milioni di anni". La frequenza, stimata, si abbassa quanto più si riducono le dimensioni di questi oggetti.

Così per asteroidi di un chilometro si parla di "un milione di anni". Mentre di quelli grandi come un'auto "ne cadono uno all'anno: fanno un botto paragonabile alla bomba di Hiroshima ma non hanno nessuna conseguenza perché bruciano nelle parti alte dell'atmosfera, se sono grossi da fare qualche danno allora i tempi scala si allungano. Eventi interessanti ne avvengono uno ogni mezzo secolo circa". Come il bolide che si è schiantato sulla città russa di Celjabinsk due anni fa. Gli asteroidi di almeno "un chilometro sarebbero, invece, in grado di provocare il cosiddetto 'inverno nucleare'.

Gli effetti pericolosi sono le conseguenze a valle: lo scatenamento di incendi su vastissima scala e l'abbassamento delle radiazioni solari causato dalle polveri che vanno nell'atmosfera fino a spargersi intorno alla Terra. Se cadono in mare il pericolo è rappresentato dall'eventuale tsunami". Comunque, nessun asteroide in grado di provocare la fine della civiltà è in vista. Mentre la comunità scientifica non smette di osservare e studiare lo spazio.

"Ad oggi - conclude lo scienziato - conosciamo tutti gli oggetti di grandi dimensioni; per quelli più piccoli il 'catalogo' sarà completato nel giro di alcuni decenni". Progressi importanti perché se "scopriamo per tempo questi oggetti siamo in grado di sviluppare la tecnologia per defletterlo, deviarlo leggermente".

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003