Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1344 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Neve dal Nord al Sud d'Italia, Capodanno imbiancato

Italia
Typography

 Disagi ai trasporti In Campania chiuso per un'ora l'aeroporto di Capodichino, Molise paralizzato. Eolie isolate

Quello di quest'anno sarà un Capodanno sotto gelo e neve, come le previsioni dicono da giorni. Nevicate, ghiaccio e freddo stanno paralizzando soprattutto il centro sud e la costa adriatica, ma la bora a 100/h sferza Trieste, le minime sull'Altopiano di Asiago toccano i -15 gradi e Cortina d'Ampezzo chiude l'anno con un -10.

Treni fermi o in ritardo al sud: in Sicilia la situazione più critica. La circolazione è sospesa sulle linee Palermo-Roccapalumba-Agrigento e Roccapalumba-Caltanissetta a causa delle abbondanti nevicate che ostacolano anche la viabilità stradale e non consentono di effettuare servizi sostitutivi con autobus. Anche la linea Caltanissetta Xirbi-Catania risulta impraticabile. Ritardi nell'ordine di 20/30 minuti si registrano poi sulla linea Messina-Catania. In Campania la linea interessata da precipitazioni nevose è la Mercato San Severino-Salerno. Criticità nella circolazione si sono registrate sulla linea a monte del Vesuvio, con ritardi fino a due ore. In Puglia, nel nodo di Bari, si registrano forti rallentamenti dalle 5.30 di stamattina e, a causa delle intense nevicate, è stato attivato il piano anti-neve. In Calabria, infine, precipitazioni nevose stanno interessando Reggio e Villa San Giovanni, ma non si segnalano particolari disagi.

Nevica sui 700 chilometri gestiti da Autostrade per l'Italia, ed una spruzzata di neve si è vista anche a Firenze e a Perugia. Neve anche a Salerno: non succedeva dal 1985. In Abruzzo si registrano, sul Gran Sasso, -18,3 gradi al rifugio Franchetti a quota 2.433 metri. Sulle autostrade A24 Roma-Teramo e A25 Torano-Pescara sta nevicando, mentre sulla A14 si segnala nevischio fino a Pescara Nord e neve fino a Vasto (Chieti). Mare forza 8 nelle Marche; Vesuvio innevato dalla cima alle quote più basse. Aeroporti chiusi per qualche ora a Napoli e Bari. A Napoli le condotte idriche gelate a causa delle basse temperature hanno lasciato i cittadini di alcuni quartieri (Vomero, Posillipo, la parte alta di Fuorigrotta e Pianura) senz'acqua. Ieri due clochard erano morti a causa del freddo a Roma e a Grosseto.

Su Autostrade per l'Italia sono operativi oltre 300 mezzi operativi spargisale e sgombraneve. Per garantire la sicurezza degli utenti e favorire gli spostamenti che caratterizzano la giornata, è stato attivato il divieto di circolazione temporaneo per i mezzi con massa complessiva superiore alle 7.5 tonnellate in A14 tra Termoli e Taranto in entrambe le direzioni e in A16 tra l'all.A16/A30 e Candela in entrambe le direzioni. Autostrade per l'Italia ricorda che è fondamentale viaggiare adeguatamente equipaggiati. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i notiziari "my way" in onda sul canale 501 di SKY Meteo24; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in area di servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center Autostrade al numero 840.04.21.21.

LE REGIONI NELLA MORSA DEL GELO

Una tormenta di neve nel Maceratese, con l'obbligo di catene montate per chi attraversa la SS77 fra Muccia e il passo di Colfiorito, neve ad Ascoli Piceno, vento forte, con raffiche fino a 100 km sui Sibillini. Per il secondo giorno consecutivo le Marche sono alle prese con un'ondata di maltempo che oggi interessa prevalentemente il versante sud della regione. Il mare forza 8 impedisce da ieri l'attracco dei cargo nel porto di Ancona: 4 navi sono ferme in rada, mentre non ha subito particolari disagi il traffico dei traghetti, che essendo più bassi affrontano meglio le condizioni meteo avverse. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco di Macerata, Camerino e Ascoli Piceno (12 qui solo la notte scorsa) per rimuovere rami e cornicioni pericolanti, o per soccorrere automobilisti in difficoltà.

Chiuso per neve l'aeroporto di Bari, disagi per treni. A causa della scarsa visibilità e del persistere delle precipitazioni nevose, nonostante gli interventi con liquido antigelo, l'aeroporto di Bari Palese è stato chiuso dalle 9 di questa mattina. Le condizioni critiche della viabilità - riferisce una nota - rendono difficile raggiungere l'aeroporto. Disagi si sono verificati anche alla circolazione ferroviaria che dalle 5.30 di stamane è fortemente rallentata nel nodo di Bari a causa delle forti nevicate che stanno investendo la Puglia. Alcuni treni - riferisce una nota di Rfi - sono stati limitati nel loro percorso e altri subiscono rallentamenti considerevoli a causa dell'ondata di maltempo. Rete Ferroviaria Italiana ha messo in azione il piano anti-neve che prevede il presidio, con uomini e mezzi, delle zone dove le condizioni meteorologiche potrebbero ulteriormente peggiorare e l'attivazione dei Centri operativi territoriali per il monitoraggio. "La città è sotto controllo - ha precisato il sindaco di Bari, Antonio Decaro - tutte le strade sono libere e percorribili. Non ci sono stati grandi problemi nella notte nonostante le temperature sono scese a livelli molto bassi". L'amministrazione comunale ha comunque disposto la chiusura ai visitatori dei cimiteri cittadini, confermando le attività di tumulazione già programmate.

Su tutto il Molise sono in corso nevicate consistenti, dalla montagna al mare. Molte strade non sono percorribili ed è molto difficoltoso spostarsi anche tra i centri principali. A Campobasso nevica ininterrottamente da 40 ore e il manto, complice anche la bufera, in alcuni punti ha raggiunto il mezzo metro di altezza. La temperatura nella notte è scesa fino a sette gradi sotto zero e i mezzi spartineve e spargisale sono in azione senza sosta ormai da due giorni. Va peggio nelle località di montagna dove sono diverse le frazioni isolate. Le situazioni più difficili in provincia di Isernia: a Capracotta un metro e mezzo di neve. Undici gradi sotto zero invece a Campitello Matese (Campobasso), sono comunque tanti i turisti arrivati nella località sciistica molisana per trascorrere il Capodanno. Neve e gelo in Abruzzo, con la temperatura più bassa registrata sul Gran Sasso, -18,3 gradi al Rifugio Franchetti a quota 2.433 metri: sulle autostrade A24 Roma-Teramo e A25 Torano-Pescara sta nevicando, mentre sulla A14 si segnala nevischio fino a Pescara Nord e neve fino a Vasto (Chieti). Nelle città capoluogo la situazione è sotto controllo, anche se la presenza di ghiaccio è ovunque: le temperature restano rigide e oscillano tra i -7 dell'Aquila e i zero gradi di Pescara. In particolare nel capoluogo abruzzese la circolazione sulle strade risulta difficoltosa per il ghiaccio che si è formato nella notte dopo l'abbondante nevicata di ieri. Sulle autostrade interne nevica intensamente sulla A25 Torano-Pescara tra Avezzano (L'Aquila) e Scafa-Alanno (Pescara) e sulla A24 Roma-Teramo tra Valle del Salto (Rieti) e Teramo; deboli nevicate si segnalano invece sulla A24 tra Vicovaro e Valle del Salto, sulla A25 Torano-Pescara tra Torano ed Avezzano. Sulle autostrade interne è in atto il divieto temporaneo di transito ai mezzi pesanti, con peso complessivo superiore alle 7,5 tonnellate per favorire il passaggio dei mezzi antineve: sulla A24 tra Castel Madama e Teramo e su tutta la A25 Torano-Pescara in entrambe le direzioni.

Vesuvio innevato dalla cima alle quote più basse: così si presenta oggi il vulcano a causa delle temperature molto fredde registrate nelle ultime ore. Le strade che conducono alla cima - informa la Protezione civile regionale - sono ghiacciate: le auto devono fermarsi a quota 500. Fiocchi di neve, in nottata, sono caduti anche nella fascia dei comuni vesuviani. Ad Ercolano (Napoli) a pochi metri dal mare tetti delle case, strade e giardini sono tuttora coperti da un manto nevoso. Notevoli difficoltà stanno incontrando le persone che si stanno recando da stamattina nell'ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli.

Freddo polare sull'isola di Capri (Napoli), la temperatura della notte è scesa a -3 sulle alture di Anacapri e a -1 nella Piazzetta di Capri. Le minime sotto zero sono probabilmente all'origine del black out idrico che si registra stamattina in molte zone dell'isola. Le tubature dell'acqua sono ghiacciate. Disservizi per il maltempo anche a molte linee telefoniche e a connessioni internet. Un leggero nevischio durato pochi minuti nella notte si è registrato anche sull'isola. Moltissima neve è invece caduta sui comuni della costiera sorrentina, da Vico Equense a Massa Lubrense, dove i fiocchi hanno imbiancato strade e tetti regalando a turisti ed abitanti un paesaggio decisamente anomalo per le località di mare.

Neve, vento gelido e temperature quasi ovunque al di sotto dello zero - a Potenza fino a otto gradi - stanno caratterizzando l'ultimo giorno del 2014 in Basilicata, dove le strade sono tutte aperte al traffico, che però si svolge con diversi rallentamenti. Lo si è appreso dalla prefettura di Potenza. Su tutte le strade i mezzi spargisale sono all'opera e non si segnalano interruzioni dell'energia elettrica. A Potenza - dove ieri almeno una quindicina di persone hanno riportato lesioni più o meno gravi per cadute sul ghiaccio - la circolazione avviene con alcuni rallentamenti e interventi sono in corso per liberare le aree pedonali dalle neve. Si sta valutando la situazione in relazione al concerto di Capodanno in programma nella piazza principale di Potenza, proprio in considerazione delle difficoltà di spostamento. La situazione a Matera è analoga: il Comune ha chiesto ai cittadini di evitare di usare l'auto privata, se non necessario.

Il Veneto resta nella morsa del gelo con la sensazione percepita di freddo aumentata dal forte vento da nord nord-est. Tra le minime più significative quelle dell'Altopiano di Asiago che tocca i -15 gradi, come ieri, e Cortina d'Ampezzo che chiude l'anno con un -10. Secondo l'Agenzia regionale per l'ambiente del Veneto (Arpav), le minime sono di -3 gradi rispetto alla media stagionale. In montagna altre minime significative sono quelle di Feltre (-11), Falcade (-9) e Arabba (-7). Nei capoluoghi di provincia si registra: -7 a Belluno, -6 a Verona, -5 a Vicenza, -2 a Padova, -2 a Treviso, -1 a Rovigo e -1 a Venezia. Secondo le previsioni il freddo rimarrà tale almeno fino ad inizio 2015 con tempo soleggiato e qualche velatura di nubi il sabato con minime in aumento.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2