Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1288 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Vigili assenti a Roma, 30 segnalati alla commissione disciplinare: rischiano licenziamento

Italia
Typography

Primo punto di svolta nell’inchiesta amministrativa sulle assenze dei vigili nella notte del 31 dicembre. Sono partite in serata, dalla Polizia Locale, 30 lettere indirizzate alla commissione di disciplina di Roma Capitale.

Sarà la commissione, spiega in una nota il Campidoglio, a proseguire nell’azione a carico dei dipendenti già informati dal Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale. "Si tratta dei casi che ai primi accertamenti sono apparsi più chiari e più gravi - precisa il Campidoglio - Per casi come questi è previsto un periodo di cinque giorni al temine dei quali deve partire la lettera disciplinare per consentire tutte le misure previste dalla legge. Ai 30 dipendenti è stato contestato l’articolo 55 bis del decreto legislativo 150 del 2009 che sottolinea la particolare gravità della mancanza disciplinare rispetto ai contratti di categoria del 2002-2005, 2006-2009 che prevede sanzioni che vanno da una sospensione di undici giorni fino al licenziamento".

"Le indagini invece procedono per i restanti casi messi sotto la lente d’ingrandimento dalla task force dei vigili - prosegue il Comune - guidata dal vicecomandante Modafferi, che si sono accresciuti rispetto ai 44 emersi all’inizio. L’inchiesta disciplinare continuerà mentre la commissione disciplinare di Roma Capitale nei prossimi giorni dopo aver informato gli interessati passeranno alla contestazioni dei comportamenti. Al di là dei casi di immediata evidenza disciplinare, restano i numeri delle assenze dal lavoro nella notte del 31".

"Basta fare un raffronto con quanto avvenuto negli anni scorsi - prosegue il Campidoglio - Nel 2012, infatti gli assenti per malattia nella giornata del 31 dicembre (su tutti i turni di lavoro) sono stati 132, nel 2013 sono stati 135, lo scorso fine anno invece si sono dichiarati ammalati 571 vigili solo nei turni legati al concerto e alle feste di Capodanno. Complessivamente gli assenti sono stati 767 perché ai 571 in malattia ci sono stati 81 per la legge 104, 63 perché hanno donato sangue proprio quel giorno e 52 per altri motivi (congedi parentali ecc). Grillo con i vigili - "Noi stiamo con i vigili! Volete sapere la verità su quello che è successo a Capodanno? Un vigile ha scritto questa lettera diffondetela" e "stop disinformazione!".

Beppe Grillo si schiera dalla parte dei vigili capitolini che si sono assentati la notte di Capodanno, lancia l'hashtag #forzavigili e pubblica sul suo blog la lettera di un vigile sostenendo che "l'accanimento mediatico" legato a quanto avvenuto la notte di San Silvestro "da parte del governo e dei giornali al suo servizio ha due obiettivi precisi". Innanzitutto, sostiene il leader M5S, "distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalla vicenda di mafia capitale collusa con i politici del Comune (a proposito Marino e Poletti quando vi dimettete?)", in secondo luogo "criminalizzare una categoria sul piano mediatico per agire con misure sempre più restrittive nei confronti di una parte del pubblico impiego". Il blog di Grillo pubblica quindi la lettera di David, un vigile urbano della Capitale, che racconta la sua verità sulla notte di Capodanno.

"Per chi avesse voglia di conoscere la verità sui vigili brutti e cattivi, che non è quella che vi raccontano - scrive - Non vi raccontano che i vigili sono in agitazione, insieme agli altri comunali, da un mese. Non vi raccontano che Marino, mostrando insofferenza e un po’ di schifo verso la categoria, non si è mai presentato agli incontri con i sindacati. Non vi raccontano che dal primo gennaio è entrato in vigore un nuovo contratto, imposto unilateralmente che prevede riduzioni di stipendio per tutti, su un contratto fermo già da 8 anni". Prosegue il 'j'accuse' del vigile, fino ad arrivare alla notte incriminata, quella di San Silvestro con l'astensione in massa da lavoro.

"I vigili hanno dichiarato che - spiega l'interessato - come forma di protesta avrebbero disertato la prestazione straordinaria volontaria di capodanno, anche perché sciopero ed assemblea non sono stati autorizzati. Non vi raccontano che 'siccome i vigili si comprano con un caffè', nessuno al comando ha preparato il servizio ordinario per il 31, nessuno ha sospeso richieste e riposi come prassi. Perché tanto i vigili verranno a frotte volontari, visto che la notte del 31 è ben pagata. Alla faccia dei sindacati". "Ed invece, per la prima volta, i vigili hanno tenuto il punto, e le adesioni volontarie sono state 0 (leggi zero).

Così Campidoglio e comando si sono trovati, a poche ore dal capodanno, nel panico più totale, per colpa della loro schifosa arroganza. E per metterci una toppa hanno commesso ogni genere di sopruso, modificando arbitrariamente turni di lavoro, cercando di richiamare abusivamente in servizio gente in ferie o a riposo. Ed utilizzando la reperibilità, strumento utilizzabile solo per catastrofi. Per gestire un concerto".

"Per giustificare questa disorganizzazione figlia della presunzione e dell‘arroganza - incalza il vigile nella lettera riportata sul blog di Grillo - per giustificare l’aver tenuto le persone in servizio appiedato 19 ore, non si é trovato di meglio che sparare cifre a capocchia sui malati. 835, come ripreso anche dal premier. Solo che in quel numero c’erano anche ferie, riposi, maternità, donazioni". "Oggi si parla di 44 casi sospetti, non 835. Ma per estendere il Jobs act ai pubblici dipendenti - rimarca l'uomo - 835 suona meglio. Anche evitare di parlare della protesta è meglio. Perché twittare dalla pista di Courmayeur è scomodo, bisogna essere sintetici". Grillo è d'accordo: "forza vigili", cinguetta su Twitter.

Intanto, dovrebbero svolgersi oggi i colloqui dei 44 vigili 'assenti sospetti' con i componenti della task force che sta conducendo l'indagine, ai quali se ne potrebbero aggiungere altri nel corso degli accertamenti. Dal Comando Generale della Polizia di Roma Capitale in merito agli accertamenti avviati per chiarire eventuali responsabilità e illeciti commessi riferiscono all'Adnkronos: "Siamo tenuti ad osservare il più stretto riserbo, dato che l'indagine è ancora in corso". Nei prossimi giorni è previsto anche l'arrivo di ispettori inviati dal ministero della Funzione pubblica, per supportare l'inchiesta interna della polizia municipale e fare luce su eventuali malfunzionamenti della macchina amministrativa che possano aver agevolato comportamenti scorretti da parte dei vigili assenteisti.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2