Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1310 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Viaggio della memoria, Giannini ad Auschwitz con 200 studenti

Italia
Typography

"Ci sono tante forme attive nella scuola per l'integrazione, ma non sono continue e quotidiane". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, in occasione del viaggio della memoria ad Auschwitz e Birkenau con 200 studenti.

"Attività che andrebbero fatte in classe e in particolare in armonia con la famiglia. Siamo preoccupati ma non ci sono focolai - ha sottolineato il ministro - ma solo frange" di antisemitismo "che non attecchiscono come in altri Paesi". "L'Europa a mio avviso non credo sia sotto attacco" ha affermato Giannini, "in particolare dal punto di vista culturale". "Tuttavia va recuperato il senso di orgoglio della tradizione europea, intendo dire occidentale, come i diritti. L'Europa ha un patrimonio solido e diffuso - ha aggiunto - E' necessario in questo momento il riconoscimento dell'autoconsapevolezza.

L'Europa ha sì un grande patrimonio solido ma con punte di fragilità. Sarebbe bene guardarci allo specchio e vedere cosa siamo diventati, considerando che l'Europa ha 70 anni di pace ininterrotta". "Episodi come quelli di Charlie Hebdo a Parigi fanno male e non devono accadere" ha detto Sami Modiano, uno dei sopravvissuti al campo di sterminio di Auschwitz, che all'epoca dei fatti aveva 14 anni e oggi, all'età di 85, continua a portare la sua testimonianza ai ragazzi che partecipano al viaggio della memoria. "Io sono uscito vivo dall'inferno di Auschwitz Birkenau - ha sottolineato Sami Modiano - Speriamo che il nostro passato non accada più.

La violenza, l'estremità, questo fanatismo, è pericoloso. E' sbagliato. Fa male e crea e genera soltanto odio". "Questo viaggio della memoria è un grande sforzo, è un sacrificio e un grande impegno - ha aggiunto - ma i ragazzi, le future generazioni, devono vedere con i loro occhi e devono fare in modo che non accada più. E' dolore e sofferenza per noi ma dobbiamo passare il testimone e i ragazzi non devono vedere quello che abbiamo visto noi: è la mia speranza, è il mio auspicio e la mia missione".

Per le sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute al campo di Birkenau, "quanto accaduto a Parigi è come un'esecuzione. E' vero che la satira di Charlie Hebdo è pesante ma lo è con tutti, religioni, politici, e non si può rispondere con la violenza. In questo modo l'Islam fa paura e se ci sono musulmani moderati non devono stare zitti ma dovrebbero intervenire e alzare la voce soprattutto quando avviene un atto terroristico come questo".

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2