Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1106 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Palermo, medico morto in discoteca: minore fermato per omicidio doloso

Italia
Typography

E' in stato di fermo per omicidio doloso il diciassettenne palermitano dello Zen che ieri pomeriggio si è costituito nel carcere minorile 'Malaspina' di Palermo per la morte di Aldo Naro, il giovane medico ucciso in discoteca nella notte tra venerdì e sabato.

Il ragazzo, dopo qualche tentennamento, avrebbe reso nella notte "confessione piena", come apprende l'Adnkronos. Ed è così scattato il provvedimento di fermo. Al momento con l'accusa di omicidio doloso. Il giovane è stato messo alle strette dagli investigatori che gli hanno mostrato foto e video di quella sera, oltre alle testimonianze dei giovani che erano al 'Goa' il venerdì grasso. Il diciassettenne quella sera ha capito di essere braccato dopo avere saputo che i Carabinieri, che conducono le indagini, lo cercavano nel suo appartamento allo Zen e ha iniziato a girovagare per la città.

Poi, nel tardo pomeriggio di ieri, la decisione di costituirsi al Malaspina, insieme con un familiare. E alla fine ha preso la strada del carcere minorile di Malaspina. "Sono venuto a costituirmi. Sono io quello che cercate". Ma il giovane non era da solo, secondo gli inquirenti. Quella sera erano almeno cinque i ragazzi dello Zen che hanno partecipato alla rissa. E nelle fasi concitate dello scontro fatto di scambio di colpi e spintoni Aldo Naro è finito per terra. Ma non è riuscito a rialzarsi perché uno dei ragazzi del branco lo ha colpito con un calcio alla tempia. Talmente violento da provocare un'emorragia cerebrale e poco dopo la morte, come ha accertato il medico legale Paolo Procaccianti durante l'autopsia. Ieri sera, tra le lacrime, la confessione e il fermo per omicidio.

Per ora doloso. Il minorenne, che nelle prime ore ha tenuto un "atteggiamento spavaldo", durante l'interrogatorio è caduto più volte in contraddizione. Nelle prime ore ha più volte affermato di essere stato presente in discoteca, la notte tra venerdì e sabato, ma di non avere sferrato il calcio al giovane medico aggredito. Ma nella notte, dopo le contraddizioni iniziali, gli inquirenti gli hanno mostrato alcune foto e alcuni filmati ripresi dalle videocamere durante la serata, dove si vede il giovane. A quel punto, il ragazzo si è ammutolito. Dopo qualche ora ha reso una "confessione piena", come spiegano gli stessi inquirenti. Ha raccontato di avere partecipato al raid violento con altri ragazzi del 'branco' colpendo a calci il medico Naro, che era già a terra.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2