Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1311 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Immigrati, 2mila bimbi arrivati in Italia e 'spariti' nel nulla. L'ombra del lavoro minorile e sfruttamento sessuale

Italia
Typography

Sono quasi duemila, al 31 gennaio 2015, i minori non accompagnati arrivati in Italia e di cui non si sa più nulla.

È uno dei dati emerso stamattina nel corso del Forum su 'Flussi migratori, tratta e sfruttamento' organizzato, all'Istituto penale per i minorenni di Palermo, dall'Istituto Don Calabria con la collaborazione del Ciss. Dal 1 gennaio al 31 luglio 2014, sono stati 13956 i minori arrivati in Italia via mare e di questi 8591 erano non accompagnati. Al 31 gennaio 2015 sono 7824 i minori non accompagnati segnalati e di questi solo 5586 si trovano nelle strutture di accoglienza, degli altri 1714 non se ne sa più nulla.

"La tratta - dice Concetta Sole, presidente del Tribunale dei Minori di Palermo - è un fenomeno quasi invisibile, soprattutto al Sud, nonostante sappiamo benissimo che è uno dei fenomeni che porta in Italia migliaia di ragazzi provenienti da terre disagiate e in guerra". "Molti di questi minori vengono reclutati nei loro paesi d'origine e trasportati in Italia contro la loro volontà - dice Amalia Settineri, procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Palermo -. I dati di cui disponiamo sulla tratta sono talmente esigui da farci cogliere la distanza dalla realtà. È un fenomeno che ci sta sfuggendo di mano e ho il sospetto che anche i minori accompagnati potrebbero esserne oggetto.

Non siamo certi che quelli che li accompagnano siano realmente i loro genitori e questi minori potrebbero essere 'seguiti' sin dall'inizio del loro viaggio e essere vittime di tratta". Lo sfruttamento sessuale, quello lavorativo e l'impiego in attività illegali sono le tipologie più diffuse di sfruttamento connesso con la tratta. "Molto spesso - spiega Valeria Lo Bello, dirigente della sezione Polizia Anticrimine della Questura di Palermo - i minori vittime di tratta non sono consapevoli della loro condizione. Sono convinti di lavorare e percepiscono lo sfruttamento come normale". Nel 2014, in Italia sono state assistite 1451 vittime di tratta di cui 88 minori.

È uno dei dati (fonte Save The Children) emerso durante il Forum. Un fenomeno in crescita "che però - spiega Elio Lo Cascio dell'Istituto Don Calabria - fa i conti con una difficoltà oggettiva nel quantificare il reale numero di soggetti coinvolti". Per l'Italia infatti non è al momento disponibile un archivio statistico sulle vittime di tratta. "Nel 2014, in Italia - sottolinea nel suo intervento Valeria Lo Bello, dirigente Polizia Anticrimine della Questura di Palermo - sono stati rilasciati 500 permessi di soggiorno per vittime di tratta, di cui la maggior parte a ragazze nigeriane". Secondo i dati di Eurostat, nel triennio 2010-2012, nel nostro Paese, sono state identificate 6572 vittime di tratta, pari al 22% del totale nell'Unione Europea.

L'Italia si configura come il primo Stato membro per numero di vittime identificate, seguito da Regno Unito (4474) e dall'Olanda (3926). La tratta riguarda soprattutto le donne e i minori, impiegati per attività illegali, sfruttamento sessuale e lavorativo. Secondo Save The Children, sono circa 340mila i minori tra i 7 e i 15 anni coinvolti in lavoro minorile in Italia e l'11% dei 14-15enni che lavorano (circa 28mila minori) sono "a rischio sfruttamento". A livello comunitario, secondo il "Rapporto 2014 sulla tratta nell'Ue",nel periodo 2010-2012, delle 30146 vittime di tratta identificate in 28 Stati membri l'80% sono donne e il 16% minori, di cui il 13% ragazze e il 3% ragazzi. Oltre mille minori sono vittime di tratta per sfruttamento sessuale. Contrariamente all'opinione comune, la maggior parte di vittime (65%) sono cittadini comunitari provenienti da Romania, Bulgaria, Olanda, Ungheria e Polonia. Le prime cinque nazionalità non comunitarie sono invece Nigeria, Brasile, Cina, Vietnam e Russia.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2