Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1125 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Quattro morti e tre feriti, domenica nera in montagna

Italia
Typography

Domenica nera sulle montagne. Quattro persone sono morte e tre, di cui due in maniera grave, sono rimaste ferite. Due escursionisti hanno perso la vita in val Senales, in Alto Adige. L’incidente si è verificato su un sentiero nei pressi del lago di Vernago.

I due turisti probabilmente sono precipitati. Quando sono intervenuti il soccorso alpino e il 118 erano già morti. Un morto e due feriti gravi è il bilancio di una valanga in Val Fonda. I due feriti trovati in gravissime condizioni e trasportati all'ospedale di Treviso dall'elicottero del Suem di Pieve di Cadore e a quello di Bolzano dall'eliambulanza dell'Aiut Alpin Dolomites. Fanno entrambi parte del Soccorso alpino del Centro Cadoredue. Illeso invece un quarto sciatore che faceva parte del gruppo. "L'intera delegazione del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi si stringe alle famiglie e ai compagni, unendosi nella forte speranza della loro ripresa", si legge in una nota del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto.

Per T.F., 44 anni, di Valle di Cadore (Bl), non c'è stato nulla da fare: il medico ha potuto solamente constatarne il decesso. Per gli altri due sciatori, un 29enne di Calalzo di Cadore, e un 36enne di Perarolo di Cadore, sono subito state messe in atto le manovre di rianimazione. Imbarellato e recuperato con un verricello, il 36enne è stato trasportato dall'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore all'ospedale di Treviso. L'altro ferito è stato invece accompagnato dall'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano all'ospedale di Trento.

Sul posto le stazioni del Soccorso alpino di Auronzo, Cortina, Dobbiaco, San Vito di Cadore e Centro Cadore, il Soccorso alpino della Guardia di finanza e le unità cinofile. Un'altra vittima in provincia di Belluno. Durante una passeggiata lungo il sentiero che costeggia la forra della Val Maggiore, in località Cornolade, nel comune di Ponte nelle Alpi, un uomo di 46 anni è caduto affacciandosi sul bordo ed è precipitato per una quindicina di metri, perdendo la vita. La donna che era con lui, di 42 anni, è scivolata ed è rimasta ferita a una gamba mentre cercava di scendere a portargli aiuto.

Nell'ultimo mese sono state numerose le vittime della montagna. L'ultimo incidente sul San Bernardo, dove ci sono stati quattro morti. Tra le vittime il presidente del Mip e una ricercatrice. Pochi giorni prima una guida alpina è stata travolta e salvata in Valgrisenche in Valle D'Aosta. Solo un grande spavento anche per i due sciatori polacchi che una quindicina di giorni fa hanno provocato una valanga e sono stati trascinati fino a rimanere in bilico sull'orlo di un precipizio sulle piste del Vallone del Vallecetta, a quota 2.800 metri, nel comprensorio sciistico di Bormio.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2