Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1167 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Da domani 2 giorni di sciopero dei benzinai in autostrada. Garante: "Garantire i servizi minimi"

Italia
Typography

Tornano in sciopero i benzinai sulle autostrade.

Dalle 22 di domani prenderanno il via le prime 48 ore proclamate dai gestori delle aree di servizio, fino alle 22 di giovedì 5. A confermarlo sono Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio sottolineando che l'azione di chiusura si rende ormai inevitabile "per l’assoluta inerzia dei ministeri dei Trasporti e dello Sviluppo economico che hanno deciso di lasciare cadere nel vuoto ogni sollecitazione al confronto". Una protesta questa che dovrà comunque garantire i servizi minimi. L'Autorità di garanzia per gli scioperi, infatti, ha ricordato ai gestori che domani sciopereranno in autostrade "l’obbligo di garantire i servizi minimi, disciplinati dalle regolamentazioni di settore". In particolare, sottolinea il Garante, "deve essere prevista l’apertura di un distributore sulla rete almeno ogni 100 chilometri; tali impianti, indispensabili ad assicurare i servizi minimi, devono funzionare ordinariamente, negli orari di apertura, non garantendo, quindi, soltanto i self service".

Per i gestori l'atteggiamento del Governo "tenta inutilmente di dissimulare la difesa strenua dei privilegi e delle ingentissime rendite di posizione delle potenti società concessionarie che continuano ad incassare ogni tipo di favore : dagli aumenti sistematici dei pedaggi e delle tariffe; ai prolungamenti ultra decennali dei contratti di concessione; passando per gli atti di indirizzo governativi sulla gestione dei servizi offerti in autostrada utili solo ad aumentare royalty e prezzi dei carburanti ed a comprimere ogni livello di servizio da offrire ai consumatori ed agli automobilisti".

Una situazione intollerabile e gravissima, rilevano i gestori, che, al contrario, "un intervento teso a tutelare il 'bene pubblico' offerto in concessione e l’interesse generale". Che, tra tante competenze istituzionali, sottolineano, "debba essere una categoria, composta da 460 imprese e 6.000 dipendenti che perderanno il posto di lavoro, a dover portare il carico di una tale istanza, la dice lunga sullo stato di degrado di gran parte della classe dirigente di questo Paese e non solo di quella politica". E tuttavia, concludono, "in assenza di interventi concreti, i gestori torneranno nuovamente ad assumere ulteriori iniziative , anche attraverso nuove tornate di sciopero".

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2