Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

RENDE (COSENZA), ''Stranieri e migranti nell'economia regionale''. In Calabria 14 mila imprese straniere

Cosenza e Provincia
Typography

Studio Demoskopika per Bcc Mediocrati, 4,9% incidenza su Pil

 

RENDE (COSENZA), ''Stranieri e migranti nell'economia regionale''.  In Calabria 14 mila imprese straniere
RENDE (COSENZA), ''Stranieri e migranti nell'economia regionale''. In Calabria 14 mila imprese straniere

RENDE (COSENZA), 13 NOV - In Calabria operano circa 14 mila imprese straniere che hanno prodotto oltre un miliardo di euro di ricchezza, un valore aggiunto pari al 4,9% del prodotto interno lordo regionale. In valore assoluto, le province di Reggio Calabria e di Cosenza ospitano la maggiore quota di imprenditori stranieri, con il 32,2% e il 30,7% del totale regionale, seguite da Catanzaro con il 25,7%. Il dato emerge dal rapporto sull'economia locale "L'altra Calabria. Stranieri e migranti nell'economia regionale" realizzato dall'Istituto Demoskopika per conto della Banca di Credito Cooperativo Mediocrati, presentato questa mattina a Rende. Dai dati risulta che nell'ultimo decennio è triplicato il numero degli stranieri in Calabria, superando nel 2016 la soglia delle 100 mila presenze. La provincia con maggior numero di presenze straniere è quella cosentina: da 8.477 a 33.410, il 32,5% delle presenze complessive calabresi. La prima comunità risulta essere quella romena (33,1%), seguita da ucraini e bulgari.