Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 874 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

SCALEA (CS). Picchiava moglie e figli, arrestato muratore rumeno

Cosenza e Provincia
Typography

Continuano le operazioni dei Carabinieri di Scalea (CS) per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne specialmente quando è posto in essere da membri del medesimo nucleo familiare.

I militari della locale Stazione, supportati in fase esecutiva dai militari del N.O.R.M., hanno posto fine ad una brutta storia di maltrattamenti in famiglia che andava avanti da diversi anni. Grazie all’aiuto dei militari, una donna classe’81 vittima di violenza si e determinata a denunciare i reati subiti ed uscire, così, da quella spirale di umiliazioni e vessazioni che era costretta a subire da diversi anni, unitamente ai propri figli, per vergogna e paura dal proprio marito, un muratore rumeno classe’67.

L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri all’apice dell’ennesima lite quando, tornato ubriaco a casa non avendo trovato la cena pronta, ha minacciato di morte la moglie con un coltello da cucina alla presenza dei figli minori rispettivamente di 13 ed 11 anni. La donna, rifugiatasi in camera con i propri figli a chiamato il numero di pronto intervento 112 permettendo ai Carabinieri di intervenire tempestivamente e di fermare l’uomo che nel frangente si era allontanato tentando invano di far perdere le proprie tracce.

La donna ha denunciato che la condotta dell’uomo si protraeva in realtà da diversi anni, e che proprio qualche giorno prima lo stesso l’aveva picchiata colpendola con alcuni soprammobili per punirla per il ritardo che aveva fatto nel rientrare a casa e che lei aveva sempre cercato di gestire il marito, perdonandolo e giustificandolo agli occhi dei figli e dei parenti. L’uomo è stato associato al carcere di Paola a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003