Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1350 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

CORIGLIANO CALABRO. Medical Market, per madre e medico accusa infanticidio

Cosenza e Provincia
Typography

Avrebbe simulato un incidente stradale tra la 24esima e la 28esima settimana di gestazione e soppresso poi con un aborto indotto artificialmente il nascituro, forse concepito di proposito, per ottenere il risarcimento dall'assicurazione.

E' quanto viene contestato a una donna di 37 anni, arrestata oggi nell'ambito dell'operazione 'Medical Market', condotta dalla Polizia Stradale e dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza su falsi incidenti stradali creati ad arte per truffare le società assicurative. “Non è stato fatto nulla per tenere in vita questo bambino, non è stato neppure tagliato il cordone ombelicale, quindi si parla a tutti gli effetti di omicidio”, ha affermato il questore di Cosenza Luigi Liguori.

Ma c'è di più. Perché il sospetto degli investigatori è che la donna fosse rimasta incinta di proposito per poi ottenere il risarcimento simulando il sinistro, e che lo avesse fatto in fase avanzata di gestazione per ottenere un risarcimento maggiore. Secondo gli investigatori, insomma, nonostante la partoriente fosse indotta al parto prematuro, il feto, nato vivo, sarebbe stato privato di ogni assistenza utile per la sua sopravvivenza, tanto da arrivare al decesso. “Abbiamo accertato che il bambino ha lottato, ha cercato di rimanere vivo e questo ci ha tranciato il cuore. Nonostante tutto gli sarebbe bastato una piccola boccata d’ossigeno per sopravvivere”, ha sottolineato il comandante della Polizia stradale di Cosenza Antonio Provenzano.

“Testimoni hanno confermato che il bambino era vivo, le manine si muovevano. La signora ha detto che il trauma dell’incidente aveva provocato l’uscita del feto e che era nato morto ma in realtà non era così”, ha aggiunto il comandante provinciale delle Fiamme gialle Giosuè Colella. La messinscena non ha prodotto alcun risarcimento alla donna perché nel frattempo le indagini hanno bloccato le procedure. Oltre alla donna, sono accusati di infanticidio G. S., medico di 54 anni, F. N. di 42 anni e Z. P. di 33 anni, tutti di Corigliano Calabro.

I quattro indagati per questo atroce delitto sono stati posti agli arresti domiciliari. Le indagini, coordinate dalla Procura di Castrovillari, hanno portato complessivamente all'esecuzione di sette provvedimenti cautelari, di cui quattro ai domiciliari, e all'iscrizione nel registro degli indagati di 144 persone, facendo luce su una truffa da due milioni di euro. Tra gli indagati, un medico che avrebbe certificato patologie invalidanti senza nemmeno fare visite mediche, un radiologo che avrebbe attribuito a pazienti sani le radiografie di persone effettivamente affette da patologie e un avvocato, una donna 45enne accusata di aver prodotto falsa documentazione attestante le patologie con la complicità dei medici, che avrebbe ideato i falsi incidenti stradali.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2