Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1238 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Cerisano (CS). Minore abusata per nove anni dal patrigno

Cosenza e Provincia
Typography

Un inferno per una ragazzina ucraina arrivata in Italia dall’Ucraina nel 2004 con la madre e la speranza di avere una vita migliore e finito, finalmente, oggi con l’arresto dell’uomo, M.P., un 56enne di Cerisano, piccolo centro dell’hinterland cosentino.

Il GIP del tribunale di Cosenza Salvatore Carpino ha, infatti, accolto la richiesta di custodia cautelare in carcere avanzata dal procuratore capo, Dario Granieri, e dal sostituto Salvatore Di Maio al termine di approfondite indagini condotte dai carabinieri di Cosenza. La ragazzina, oggi diciassettenne ha finalmente trovato il coraggio di denunciare, dichiarazioni riscontrate e ritenute attendibili dalla procura. Gli abusi sarebbero iniziati nel 2006 quando la bimba aveva otto anni.

Il racconto della ragazza fa rabbrividire: l’uomo che la madre aveva sposato avrebbe cominciato con i palpeggiamenti nelle parti intime, sempre più audaci, fino agli abusi sessuali in maniera continuativa ed ossessiva, ma sempre attento a non farsi scoprire. Approfittava dell’assenza della moglie o quando questa era impegnata nelle faccende casalinghe per costringere la piccola a sottostare alle sue voglie arrivando anche a minacciarla ed aggredirla, costringendola a dormire nel letto con loro e a masturbarsi davanti a lei quando rimanevano soli.

Lei era terrorizzata, ma non è riuscita mai a parlarne con la madre sia per la scarsa complicità tra le due sia per paura di rovinare il rapporto familiare e ha subito in silenzio. Solo nel febbraio scorso ha trovato il coraggio di confidarsi con alcune amiche e di rivolgersi ai carabinieri. La madre è caduta dalle nuvole quando ha appreso che per anni sotto i suoi occhi la figlia veniva abusata dal marito. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Cosenza.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2