Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1170 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Reggio Calabria, Gdf scopre truffa all'Inps da 2 milioni: denunciati 323 falsi braccianti e 21 titolari

Reggio Calabria e Provincia
Typography

I finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno denunciato per truffa 21 titolari di aziende agricole e 323 falsi braccianti agricoli segnalando alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Catanzaro un danno erariale cagionato all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per oltre 2.000.000 di euro.

I finanzieri del Gruppo di Locri, coordinati dalla Procura del Tribunale di Locri, hanno accertato che i titolari di ben 21 aziende agricole hanno assunto, a tempo determinato, 323 persone come braccianti agricoli garantendo loro l’indebita percezione di indennità previdenziali e assistenziali (indennità agricole, sussidi di maternità e malattia) per un ammontare accertato di oltre due milioni di euro.

La truffa si è realizzata, nell’arco temporale 2006-2011, attraverso la predisposizione di falsi contratti di fitto/comodato, con la compiacenza di dipendenti pubblici, pronti ad attestare, falsamente, la concessione di terreni di proprietà di un comune della locride, ai titolari delle aziende agricole coinvolte, i quali, poi, procedevano a documentare fittiziamente, all’Inps, la disponibilità di fondi agricoli, in realtà inesistenti, che servivano a giustificare le predette assunzioni.

Al termine delle indagini, i 323 falsi braccianti, insieme ai titolari delle 21 aziende agricole controllate e ai tre pubblici dipendenti coinvolti sono stati tutti denunciati alla procura di Locri per avere, a vario titolo e in concorso tra di loro, realizzato una truffa ai danni dell’ente previdenziale. A seguito dell’avviso di conclusioni indagini, gli investigatori hanno segnalato alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Catanzaro l’ammontare delle somme indebitamente percepite.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2