Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

VIBO VALENTIA, Vedova agente, strage Capaci e' di tutti

Vibo Valentia e Provincia
Typography

Iniziativa a Vibo Valentia davanti a resti auto scorta Falcone

VIBO VALENTIA, Vedova agente, strage Capaci e' di tutti
VIBO VALENTIA, Vedova agente, strage Capaci e' di tutti

VIBO VALENTIA, 16 MAG - "La strage di Capaci non appartiene solo a me, ma a tutti, a tutte le persone perbene di questa nazione". Lo ha detto Tina Montinaro, vedova di Rocco Montinaro uno dei tre componenti della scorta del giudice Giovanni Falcone, parlando a Vibo Valentia in occasione dell'arrivo di quel che resta dell'auto sulla l'agente viaggiava insieme ai colleghi Rocco Di Cillo e Vito Schifani, morti il 23 maggio del 1992, insieme al magistrato e alla moglie Francesca Morvillo. L'incontro con gli studenti rientra nell'ambito della manifestazione itinerante "La memoria in marcia - 25/mo anniversario della Strage di Capaci". La signora Montinaro si è rivolta ai ragazzi esortandoli a non piegarsi mai di fronte a chi "vuole rubarvi il futuro, i sogni, la libertà". Accanto a lei Ottavio Sferlazza, procuratore di Palmi, e Guido Longo, prefetto di Vibo Valentia: il primo allievo di Paolo Borsellino e il secondo che si occupava, nel maggio del 1992, della scorta del giudice istruttore.