Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 1282 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

BARCELLONA, licenziato perché lavorava troppo. La Lidl: ''Facendo così quel direttore violava le norme di sicurezza''

Mondo
Typography

Per due giorni ha aperto il negozio prima senza timbrare per farlo trovare pronto al momento dell'apertura. La difesa: "Subiva pressione per soddisfare gli obiettivi di vendita"

BARCELLONA, licenziato perché lavorava troppo. La Lidl: ''Facendo così quel direttore violava le norme di sicurezza''
BARCELLONA, licenziato perché lavorava troppo. La Lidl: ''Facendo così quel direttore violava le norme di sicurezza''

BARCELLONA - Licenziato perchè lavorava troppo: può succedere anche questo. Il direttore di uno dei supermercati della catena Lidl a Barcellona è stato sollevato dal proprio incarico per "violazioni molto gravi nel lavoro". Nella lettera di licenziamento l'azienda motiva la scelta spiegando che l'uomo lo scorso aprile, per due giorni, è entrato nel supermercato con un anticipo compreso tra i 49 e gli 87 minuti e senza aver timbrato il cartellino. "Ogni minuto in cui si lavora va pagato ed è necessario registrarlo", si legge. Un comportamento che avrebbe violato anche le norme di sicurezza, dato che non è permesso lavorare soli dentro al supermercato. L'ex direttore preparava il negozio in vista della sua apertura al pubblico. Inscatolava, catalogava e sistemava gli scaffali per offrire il miglior servizio possibile ai propri clienti. "È curioso il fatto che venga punito per aver lavorato sodo e cercato di far funzionare al meglio il negozio. Si tratta - ha spiegato l'avvocato - di una scelta ipocrita perché ha subito pressioni per soddisfare gli obiettivi di vendita. Ha agito per il bene della società". La difesa dell'uomo si basa sul fatto che "non ha mai costretto un dipendente ad accompagnarlo per aprire il supermercato e che la società, in nessun momento, ha avvertito che non poteva andare prima a lavoro per preparare il negozio per l'apertura".





Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003