Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 681 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

Terremoto devasta il Nepal, migliaia di morti e centinaia di feriti

Mondo
Typography

Un forte terremoto di magnitudo 7.9 ha scosso il Nepal e vaste aree dell'India settentrionale e orientale e il sisma è stato avvertito fino in Pakistan e Bangladesh.

Le scosse sono durate per circa un minuto e le autorità nepalesi hanno riferito che si sono verificati "danni enormi" in prossimità dell'epicentro, localizzato nel Nepal centrale. Numerosi edifici storici nella capitale Katmandu sono crollati e il bilancio delle vittime si aggrava di ora in ora. Secondo la polizia, i morti accertati sarebbero 1.130. Secondo le stime dell'esercito nepalese rilanciate su Twitter dal ministro delle Finanze Ram Sharan Mahat i morti sarebbero invece 1.457. Le squadre di soccorso, composte da militari dell'esercito, sono al lavoro per liberare le persone rimaste intrappolate sotto le macerie della Dharahara Tower, uno dei monumenti più significativi della città, inserito nel patrimonio dell'Unesco. Il terremoto è stato avvertito anche in Tibet nelle città di Lhasa e Shigatse. Secondo le autorità cinesi l'intensità registrata è stata di magnitudo 8.1.

Diverse abitazioni sono crollate nel distretto di Kyirong e le comunicazioni lungo il confine tra Cina e Nepal risultano interrotte. In India le vittime sono almeno 22. Vittime sull'Everest - Il terremoto ha fatto vittime anche sull'Everest. Una squadra specializzata dell'esercito indiano ha rinvenuto 18 cadaveri. Lo riferisce il Guardian citando un portavoce militare. Le autorità nepalesi stimano che almeno 1.000 scalatori, tra i quali 400 stranieri, si trovavano al campo base o in altri campi sull'Everest quando si è verificato il sisma. L'alpinista romeno Alex Gavan, intrappolato nel campo base dell'Everest , ha postato su Twitter un drammatico appello ai soccorritori. "Enorme disastro. Ho aiutato a cercare e salvare le vittime in una vasta area di macerie. Molti i morti. Molti altri ancora gravemente feriti. Molti moriranno se non arrivano subito gli elicotteri", ha scritto Gavan.

A dare l'allarme sulla valanga era stato Agostino Da Polenza, presidente di EvK2Cnr, all'Adnkronos. "Abbiamo subito avuto notizia di una valanga sull'Everest che avrebbe travolto il Campo 1 che si trova a 6mila metri di altitudine e che è arrivata sicuramente al Campo base che si trova a 5.400 metri di altezza", aveva riferito Da Polenza, sottolineando che i collegamenti sono "difficilissimi". "Non ci sono scienziati italiani" al lavoro attualmente nel laboratorio Piramide di EvK2Cnr "dove sono al lavoro al momento tutti tecnici nepalesi" ha detto all'Adnkronos Pietro Coeretta, portavoce e responsabile media di EvK2Cnr. Gli aiuti dall'Italia - Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha disposto un aiuto di emergenza al Nepal per un ammontare di 300mila euro su fondi della cooperazione. Il finanziamento verrà canalizzato attraverso la Federazione internazionale della Croce Rossa e consentirà alla Croce Rossa nepalese di realizzare attività di primo soccorso in favore delle vittime del terremoto.

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003