Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Messico, tornado e alluvioni al confine con gli Usa: almeno 18 morti

Mondo
Typography

E' di almeno 18 morti e migliaia di case danneggiate il bilancio del tornado e delle piogge torrenziali che si sono abbattuti sul nord del Messico e sugli stati americani del Texas e dell'Oklahoma.

A Ciudad Acuna, al confine con gli Stati Uniti, colpita ieri dal tornado, hanno perso la vita 13 persone, e circa 1.500 abitazioni sono state distrutte. Lo ha riferito il sindaco della città, mentre dal governo di Coahuila hanno aggiunto che i feriti sono almeno 230. Tra sabato e domenica, riportano i media locali, altre cinque persone hanno perso la vita oltre il confine con gli Usa, in Texas e Oklahoma, a causa delle alluvioni.

Nella contea texana di Hays, riporta Usa Today, sono state avviate le operazioni di ricerca di 12 persone che risultano disperse dopo che si sono rotti gli argini di un fiume. L'acqua ha trascinato via macchine e case, con una forza, ha raccontato il governatore Greg Abbott in conferenza stampa, pari a quella di uno tsunami. Abbott ha quindi dichiarato lo stato di emergenza in 37 contee. Due delle vittime americane sono state segnalate nel nord dell'Oklahoma e si tratta di una 33enne, che ha perso il controllo della sua auto, e di un vigile del fuoco a Claremore.