Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Kenya, 40enne bergamasco trovato morto in casa

Mondo
Typography

Un uomo originario di Villongo, nella provincia bergamasca, Andrea Maffi di 40 anni, è stato trovato morto nella casa dove viveva da alcuni anni, in Kenya.

La notizia è stata confermata da fonti della Farnesina senza fornire dettagli sulle cause della morte, né sulla dinamica dei fatti. L'uomo viveva a Watamu, una località turistica tra Malindi e Mombasa e lavorava come operatore turistico. Tanti i messaggi di cordoglio e di incredulità pubblicati sulla sua pagina Facebook da amici e persone che, con lui, condividevano la passione per i safari e per l'Africa, un continente che amava profondamente.

Giusto lo scorso martedì 30 giugno, l'uomo aveva pubblicato un post con il quale rassicurava un'amica sul clima di tranquillità in Kenya malgrado l'emergenza scattata dopo l'attentato sulle spiagge di Sousse in Tunisia. Qualcuno, tra i suoi amici, parla di omicidio. "Riposa in pace Andrea Maffi e che prendano e puniscano il colpevole molto in fretta", scrive Iris Tosini. "Hanno ucciso Andrea Maffi. La stessa Africa che tanto amavi e che tanto ti ha dato, ha spento per sempre il tuo splendido sorriso", aggiunge Daniele Musso.

"Come si può fare del male e ammazzare un persona bella come te?" si chiede Fabio Forlani. "A chi ti ha ammazzato auguro tutto il male di questo mondo! Avevi il Kenya nel cuore, eppure quello stesso Paese ti ha tradito. Io non posso crederci" firma Federica Moliterno.