Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sparatoria alle porte di Parigi, ferito almeno un agente. Attacco Charlie Hebdo, si è costituito il più giovane dei ricercati

Mondo
Typography

Colpi di arma da fuoco questa mattina tra Montrouge e Malakoff, a sud di Parigi. Lo riferisce France Info, precisando che diversi colpi sono stati sparati poco dopo le sette e un agente di polizia sarebbe a terra.

I soccorsi sono sul posto. Secondo altri media francesi, ad essere stati colpiti sarebbero due agenti. Per il momento non si sa se l'attacco sia legato a quello di ieri alla sede di 'Charlie Hebdo', costato la vita di 12 persone. Intanto, il più giovane dei tre presunti assalitori di ieri alla sede della rivista satirica 'Charlie Hebdo' si è consegnato alla polizia nella città di Charleville-Mezieres, circa 70 chilometri a nordest di Reims.

Il 18enne, al momento si trova sotto custodia, mentre la polizia è ancora alla ricerca degli altri due sospettati, due fratelli franco-algerini, Cherif e Said Kouachi, rispettivamente di 32 e 34 anni. Dopo l'attacco di ieri a Parigi, costato la vita di 12 persone, in Francia oggi è lutto nazionale. Gli altri due sospettati, ha riferito la polizia che ne ha anche diffuso le fotografie, probabilmente sono "armati e pericolosi". Nella notte inoltre la polizia ha fermato vari sospettati. Lo ha riferito il premier francese Manuel Valls, all'emittente Rtl.