Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 595 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

potente scossa tra Pakistan e Afghanistan, almeno 62 morti

Mondo
Typography

Almeno 62 morti Gente in strada a Islamabad. Avvertita anche nel nord dell'India

La forte scossa di terremoto che ha interessato oggi all'inizio del pomeriggio locale la regione afghano-pachistana dell'Hindu Kush ha causato finora 62 morti, 42 in Pakistan e 20 in Afghanistan. Lo hanno reso noto le autorità locali. In Pakistan le vittime riguardano la regione nord-occidentale del Paese (provincia di Khyber Pakhtunkhwa e aree tribali) mentre in Afghanistan sono segnalate nelle province di Takhar (12 studentesse), Nangarhar e Badakhshan.

Potente scossa tra Pakistan e Afghanistan, almeno 62 morti
Potente scossa tra Pakistan e Afghanistan, almeno 62 morti

 

Sarebbero almeno 200 dei feriti, riferisce Express Tv, sono ricoverati nel Lady Reading Hospital di Peshawar nel nord-ovest pachistano. Tra le vittime ci sono anche quattro bambini nel distretto tribale nord occidentale di Bajaur. Due donne invece sono morte nella valle di Swat, a nord di Islamabad. Altri tre bambini sono rimasti uccisi nel crollo di una recinzione nel distretto di Dir Inferiore. A Islamabad, Rawalpindi, Lahore, Karachi e altre città si sono viste scene di panico tra gli abitanti. Diversi uffici, ai piani alti, sono stati evacuati. In alcune zone sono saltate le linee telefoniche. "Ho visto donne e bambini urlare di paura nelle strade" è il tweet di Shiraz Hassan di Rawalpindi, la città gemella della capitale. Per molti è stato come rivivere i momenti del forte terremoto di 10 anni fa. L'8 ottobre del 2005 una scossa di magnitudo 7.6 gradi devastò la regione del Kashmir e la provincia di Khyber Pakhtunkwa causando 87 mila morti e 2,8 milioni di senzatetto. 

Afghanistan, 11 morti in provincia Takhar - E' di undici morti e decine di feriti nella provincia settentrionale di Takhar il primo bilancio provvisorio delle vittime del terremoto che ha colpito oggi la regione dell'Hindu Kush. L'epicentro del sisma e' localizzato al confine fra Afghanistan, Tagikistan e Cina. Nella provincia di Baghlan molte case sono state danneggiate da frane, mentre restano difficili le comunicazioni telefoniche per i danni ai ripetitori. Leggeri danni agli edifici sono stati segnalati anche a Kabul.

Una scossa di magnitudo 7,7 gradi sulla scala Richter ha colpito oggi la regione dell'Hindukush, regione a cavallo fra il Pakistan e l'Afghanistan. Il sisma e' stato avvertito anche in tutto il nord indiano mentre ad Islamabad la gente e' uscita nelle strade. I media pachistani hanno sottolineato che si è trattato di una serie di scosse della durata di vari minuti e che il sisma è stato chiaramente avvertito a Lahore, Islamabadm Rawalpindi, Peshawar, Kohat e Malakand, dove la gente si è precipitata in strada. Il governo ha attivato le procedure di emergenza per verificare i danni soprattutto nella parte settentrionale del Pakistan da giorni peraltro colpita da forti temporali.

Sisma avvertito in India fra Kashmir e Delhi - Il terremoto di magnitudo 7.7 Richter con epicentro nella regione pachistano-afghana dell'Hindu Kush è stato avvertito in India fra Kashmir e New Delhi. In particolare in Kashmir le linee telefoniche e elettriche sono saltate, mentre il panico si è impadronito della popolazione in molte città, fra cui Srinagar, Chandigar in Haryana e Shimla in Himachal Pradesh. La scossa è stata avvertita chiaramente anche a New Delhi anche se nella capitale non sembrano esservi danni. La scossa è durata circa 5 minuti e ha causato l'oscillamento di molti edifici a New Delhi. Molti residenti in preda al panico si sono riversati in strada. Al momento le attività sono riprese normalmente. E' stato ripristinato anche il servizio di metropolitana di Delhi interrotto per precauzione per circa 20 minuti. Secondo il Centro sismologico europeo-mediterraneo (Emcs) l'epicentro è stato localizzato a 215 km di profondità nella regione montagnosa dell'Hindu Kush. L'ultima scossa di magnutudo 5.8 nella stessa area, che è altamente sismica, si era registrata lo scorso 10 agosto. Mentre tre giorni fa un tremore di magnitudo 5.3 aveva interessato il Punjab pachistano senza causare danni o vittime.

Epicentro nelle province del nord - L'epicentro del terremoto che ha colpito oggi all'inizio del pomeriggio locale la regione pachistano-afghana dell'Hindu Kush ha avuto il suo epicentro a circa 260 chilometri a nord di Kabul. Lo hanno reso noto le autorità afghane. Il governo ha dichiarato un'emergenza per le province di Baghlan e Badakhshan, nel nord del Paese. Gli edifici hanno tremato anche nella capitale Kabul, dove il Senato è stato evacuato mentre era in corso una seduta. In alcune province sono saltate le linee telefoniche cellulari.

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003