Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1240 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Scambiate nella culla 20 anni fa, alle famiglie un risarcimento di quasi due milioni di euro

Mondo
Typography

Appena nate hanno condiviso la stessa incubatrice per una mancanza di attrezzature in ospedale, ma le loro identità sono state accidentalmente scambiate.

Dieci anni dopo i genitori hanno scoperto che quelle bambine che hanno cresciuto e amato per tutto questo tempo non erano le loro figlie biologiche. Sul caso si è pronunciato oggi il tribunale della città di Grasse, nel Sud della Francia che ha stabilito che alle famiglie andrà un risarcimento di 1.880.000 euro. La richiesta iniziale era di 12 milioni di euro. La storia di Mathilde e Manon, inizia nel 1994 in una clinica di Cannes quando, appena nate, vengono loro diagnosticati problemi di itterizia. Le bimbe vengono messe nella stessa incubatrice, a quanto pare senza il braccialetto di riconoscimento, per una sessione di trattamento di fototerapia. Quando vengono restituite ai genitori, questi si accorgono che qualcosa non andava ma, anche per via delle rassicurazioni dei medici, non hanno insistito.

E sono andati a casa con le bambine 'sbagliate'. La verità emerge solo 10 anni dopo. Il padre di Manon la vedeva troppo diversa dal resto della famiglia e così decide di fare l'esame del Dna. La risposta è stata scioccante: non è figlia di nessuno dei due. La coppia si mette quindi in contatto con i genitori biologici della bambina e porta il caso in tribunale. "Se è capitato a noi, può capitare anche ad altre coppie. Non auguro a nessuno di vivere un'esperienza del genere", ha commentato Sophie Serrano, mamma di Manon, ai media francesi. Nel frattempo nessuna delle due ragazze ha voluto abbandonare la famiglia con cui è cresciuta. Quanto alla clinica, che successivamente ha chiuso, un avvocato ha detto che è stato seguito il regolamento e l'errore è da attribuire a un'infermiera, che più avanti si scoprirà avere problemi di alcolismo, che non si è attenuta al protocollo.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2