Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1160 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Usa, costrinse nipotina a correre fino al collasso: nonna condannata per omicidio

Mondo
Typography

E' stata dichiarata colpevole di omicidio Joyce Hardin Garrard la donna che nel 2012 fece correre fino al collasso la nipotina di 9 anni per 'punirla' per aver mangiato di nascosto della cioccolata.

Ora la giuria dell'Alabama che, dopo 3 ore e mezzo di deliberazione, la notte scorsa ha emesso il verdetto di colpevolezza dovrà decidere se condannare la 49nne a morte o all'ergastolo senza possibilità di libertà condizionata. Ma, secondo la legge dell'Alabama, la decisione ultima sull'eventuale condanna a morte spetta al giudice che presiede la corte. La giuria ha quindi accolto la tesi dei procuratori che hanno descritto nel processo la donna come una torturatrice che fece correre e raccogliere legna alla nipote Savannah per tre ore nel giardino di casa, non permettendole di fermarsi neanche quando cominciò a sentirsi male e a vomitare. Alla fine la bimba ebbe un collasso e poi è morta tre giorni dopo in ospedale.

La donna, che quando chiamò l'ambulanza disse che la bambina si era sentita male all'improvviso e aveva cominciato ad avere le convulsioni, ha contestato queste accuse, ammettendo solo di aver fatto raccogliere la legna per punizione alla nipotina che aveva corso nel giardino ma per allenarsi per una gara a scuola. Ma a confutare la sua versione, i procuratori hanno presentato un video di una telecamera di sicurezza di un pulmino scolastico che mostra la nonna che dice che avrebbe fatto correre la bambina per darle una lezione. "La piccola è stata torturata", ha detto la pubblica accusa. Insieme a Garrard tre anni fa è stata anche arrestata Jessica Mae Hardin, la seconda moglie del padre della piccola che era all'estero per lavoro al momento della morte di Savannah. La donna è libera su cauzione in attesa di essere anche lei processata per non essere intervenuta in difesa della bambina.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2