Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Cina, esplosione in un impianto chimico: feriti. Si teme fuga di sostanze tossiche

Mondo
Typography

Almeno 14 persone sono rimaste ferite a causa dell'incendio divampato a seguito di un'esplosione in un impianto chimico nella provincia di Fujian, nel sudest della Cina, e si teme per l'eventuale fuga di sostanze chimiche tossiche.

Oltre 700 vigili del fuoco, riferisce 'South China Morning Post', sono stati dispiegati sul posto per spegnere le fiamme, scoppiate lunedì sera. Si tratta della seconda volta in due anni che nella centrale di Zhangzhou, di proprietà del gruppo petrolchimico taiwanese Xianglu, avviene un'esplosione. Inizialmente la società intendeva costruire l'impianto - che utilizza p-xilene, un liquido altamente infiammabile - a Xiamen ma non è stato possibile per le proteste pubbliche.