Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 826 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
article-top

COMPLEANNI. Familiari e amici di una vita, gli 81 anni di Silvio Berlusconi

Politica
Typography

Familiari e amici di una vita per festeggiare gli 81 anni di Silvio Berlusconi.

 

COMPLEANNI. Familiari e amici di una vita, gli 81 anni di Silvio Berlusconi
COMPLEANNI. Familiari e amici di una vita, gli 81 anni di Silvio Berlusconi

L'ex premier quest'anno ha spento le candeline in maniera più sobria a Villa San Martino, circondato dai figli e da coloro che gli stanno al fianco da anni. Non poteva mancare la foto ricordo con i fidati Gianni Letta, Fedele Confalonieri e Adriano Galliani.

Silvio Berlusconi compie 81 anni. L'imprenditore milanese segna un ventennio della storia d'Italia. Nominato quattro volte Presidente del Consiglio dei Ministri, nei vari anni ha ricoperto - seppur in veste di carica ad interim - anche i ruoli di Ministro degli affari esteri (6 gennaio 2002 – 14 novembre 2002), dell'Economia e delle finanze (3 luglio 2003 – 16 luglio 2003), della Salute (11 marzo 2006 – 17 maggio 2006) e dello Sviluppo economico (5 maggio 2010 – 4 ottobre 2010). Dal primo luglio al 31 dicembre 2003 è stato Presidente del Consiglio Europeo.

Silvio Berlusconi nasce imprenditore e diventa politico. Nel 1976 alla segreteria del Psi si insedia Bettino Craxi e nel mese di luglio i due si incontrano grazie all'architetto milanese Silvano Larini, uno degli uomini fidati di Craxi. Inizia un'amicizia privata e di reciproco sostegno. Lo raccontano i fatti. Nel 1984, Craxi è il padrino di battesimo di Barbara Berlusconi. Nel 1990, alla celebrazione del matrimonio tra Veronica Lario e Silvio Berlusconi, Anna (moglie del leader socialista) e Gianni Letta sono i testimoni di nozze per la sposa, mentre Craxi e Fedele Confalonieri lo sono per lo sposo. Le reti Fininvest fanno la loro parte nel sostegno a Benedetto Craxi, detto Bettino.

La discesa in campo e il l primo governo Berlusconi (1994). "Ho scelto di scendere in campo e di occuparmi della cosa pubblica perché non voglio vivere in un Paese illiberale", è la frase con cui l'imprenditore, nato a Milano il 29 settembre 1936, annuncia di entrare in politica, mentre la camera respinge l'ennesima richiesta di autorizzazione a procedere avanzata dalla magistratura contro l'ex leader socialista. Le sue promesse elettorali sono accolte positivamente dall'opinione pubblica. Contro ogni sondaggio, alle elezioni politiche del 27 marzo 1994, Forza Italia si impone. Il partito da lui fondato è in corsa con la Lega Nord di Umberto Bossi nelle regioni settentrionali e con AN di Gianfranco Fini nel resto d'Italia. Il primo governo Berlusconi (10 maggio 1994 – 17 gennaio 1995) resiste soltanto un anno, è la Lega Nord a negare la fiducia al governo. Il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro non può che accogliere le dimissioni di Berlusconi. Al suo posto viene formato un governo tecnico guidato dal Ministro del tesoro uscente, Lamberto Dini.

Berlusconi ci riprova nel 1996, ma non viene eletto. Il secondo governo Berlusconi nasce nel 2001. È il 1996 quando Forza Italia ci riprova senza i leghisti. Berlusconi è indagato per falso in bilancio, frode fiscali e corruzione giudiziaria insieme a Previti, e le elezioni vengono vinte da Romano Prodi, a capo dell'Ulivo. Sono anni di opposizione e di ricerca di consenso elettorale. Nel 1999, Forza Italia sfiora il 30 per cento delle preferenze alle elezioni europee e vince alle Regionali nel 2000. Le conseguenze di questo successo costringono Massimo D'Alema a dimettersi dalla carica di premier (21 ottobre 1998 – 25 aprile 2000). Nel 2000, Silvio Berlusconi torna sulla scena con lo slogan "meno tasse per tutti" a cui si aggiunge la promessa di rendere le città italiane più sicure. Il suo linguaggio è diretto ed entra nelle case degli italiani. Risulta vincente anche l'immagine che da di sé, quella del presidente operaio. Poi, a pochi giorni dalle elezioni, il Cavaliere va a Porta a Porta, il programma su RaiUno condotta da Bruno Vespa, e sottoscrive il "contratto con gli italiani". È fatta. Nel 2001 viene nominato di nuovo presidente del Consiglio e nasce il secondo governo Berlusconi (11 giugno 2001 – 20 aprile 2005). Due episodi, che si consumano nell'anno successivo, segnano la Legislatura. "L'editto Bulgaro" rivolto a Biagi, Santoro e Luttazzi e lo scontro con il capogruppo dei socialdemocratici Martin Schulz, che Berlusconi definisce “kapò”. Nel 2005 pesa la sconfitta alle elezioni regionali e l'uscita dal governo dei ministri dell'Udc e del Nuovo Psi segnano, inevitabilmente, la fine del mandato. Il 20 aprile, il premier sale al Quirinale e si dimette, con il primato di essere il governo più longevo della storia repubblicana (In carica per 1.412 giorni).

III governo Berlusconi. Tre giorni dopo, nasce il terzo governo Berlusconi (dal 23 aprile 2005 al 17 maggio 2006), che dura in carica 389 giorni (1 anno e 24 giorni). Alle elezioni successive vince di nuovo Romano Prodi, con una maggioranza risicata alla Camera e in minoranza al Senato. Resta in carica due anni.

Il Predellino e il IV governo Berlusconi. Il 18 novembre 2007, in piazza San Babila, a Milano, mentre il partito sta raccogliendo le firme contro Prodi, Berlusconi annuncia un nuovo partito: il Popolo della Libertà. L'anno dopo, alle elezioni politiche, la nuova formazione del PdL, che unisce Forza Italia e Alleanza Nazionale, assieme a gruppi minori di orientamento democristiano e liberale, si attesta come primo partito italiano. Nasce così il IV governo Berlusconi (8 maggio 2008 – 16 novembre 2011).

Gianfranco Fini lascia il PDL e la fine di governo. Durante un convegno del Pdl, il premier chiede a Fini di dimettersi da presidente della Camera e lui, seduto in prima fila, si alza e, da sotto il palco, gli grida: “Che fai, mi cacci?”. È il 2010, l'ex leader dell'MSI lascia il Pdl. Il governo resta in piedi ancora un anno, prima di cedere alla pressione dell'Europa e all'incombente crisi finanziaria. Berlusconi rimette il quarto mandato il 16 novembre 2011 e gli succede Mario Monti (16 novembre 2011 – 28 aprile 2013). 

Le elezioni politiche del 2013. Condizionate dal Movimento Cinque Stelle, le nuove elezioni politiche vedono protagonista il Partito Democratico sostenuto dal Popolo delle Libertà. Nasce il governo Enrico Letta (28 aprile 2013 – 22 febbraio 2014), con Silvio Berlusconi ancora protagonista della scena politica. Lo è anche l'anno dopo quando a Letta succede Matteo Renzi. Il nuovo premier incontra il Cavaliere nella sede del Pd a Roma, un faccia a faccia a porte chiuse, dove viene siglato un accordo verbale tra i due, che nel gergo giornalistico viene definito 'Patto del Nazareno'.

Berlusconi decade da Senatore. Il 27 novembre 2013, dopo 19 anni di politica attiva, l'aula del Senato conferma, respingendo i 9 ordini del giorno contrari presentati, la decadenza di Berlusconi da senatore, così come proposto dalla Giunta per le elezioni di Palazzo Madama. Il Parlamento applica la legge Severino (contestata dal centrodestra), dopo la sentenza di condanna in via definitiva per frode fiscale a quattro anni di reclusione e all'interdizione (per un tempo da definire) dai pubblici uffici.

Torna Forza Italia. A giugno del 2013, Berlusconi sceglie il Tg1 per annunciare il ritorno di Forza Italia. Il 19 marzo 2014 si autosospende dalla carica di Cavaliere del Lavoro. Il 15 aprile 2014 il Tribunale di sorveglianza di Milano, in esecuzione della condanna definitiva nel processo Mediaset, dispone per Berlusconi l'affidamento in prova ai servizi sociali. Scontata la pena l'8 marzo 2015, il politico riacquista piena libertà, pur permanendo la sua incandidabilità sino al 2019 per effetto della legge Severino. - (RAiNews.it)

Annunci AdSense
article-botton-ads-ctp-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-botton-ads-pct-cca-001
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003