Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1434 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Renzi a Strasburgo: 'Europa di vincoli e austerità è stata un errore'

Politica
Typography

"Il mondo vuole più Europa, ma la percezione è stata di un'Europa centrata sull'economia, sui vincoli sui parametri e sull'austerità.

Oggi possiamo dire che questo atteggiamento è stato un errore e il cambiamento impresso dalla Commissione Juncker andava immaginato negli ultimi sei anni e non negli ultimi sei mesi". Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel suo intervento al Parlamento europeo a Strasburgo per la chiusura del semestre di presidenza italiana del Consiglio Ue.

Insomma negli ultimi sei mesi in Europa "c'è stato un cambiamento profondo nella direzione, anche se non ancora nei fatti", ha sottolineato Renzi nel suo discorso in cui ha citato Dante Alighieri e l'Ulisse della Divina Commedia. Dopo aver evocato la figura di Telemaco nell'intervento di apertura dello scorso luglio, il premier si è rivolto all'Aula di Strasburgo con i versi del poeta fiorentino attribuite a Ulisse.

"Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtù e conoscenza", ha citato, mentre in Aula gli eurodeputati euroscettici continuavano a rumoreggiare. "So che per alcuni di voi è difficile leggere più di due libri - ha detto - ma spero che il Parlamento europeo scelga se vuole vivere come bruti e seguire la demagogia per qualche mezzo punto in più o se seguire la virtù che è rappresentata dall'Europa".

Durante il suo intervento, Renzi ha anche fatto un riferimento a Napolitano, "un convinto europeista" che "ha affrontato le difficoltà in Italia con grande saggezza", e all'attacco a Charlie Hebdo: "Il rischio è pensare che la paura ci possa fermare e immobilizzare. Alzare muri significa non essere europei". "Vogliono cambiare il nostro modo di vivere", ha continuato, "ma non possiamo in nome della nostra sicurezza vivere rannicchiati. Da uomo di governo e di sinistra vi dico che non lasceremo mai la parola identità a chi grida più forte". "Il nemico non è la religione, ma il fanatismo", ha poi sottolineato il presidente del Consiglio. .

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2