Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 1194 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

Italicum va avanti, sì del Senato al 'super canguro': tagliati 35mila emendamenti

Politica
Typography

Il Senato ha approvato l'emendamento Esposito che recepisce l'Italicum 2. I voti a favore sono stati 175, 110 i voti contrari e due astenuti.

Il vice presidente del Senato Roberto Calderoli ha quindi specificato che a seguito della votazione, sono preclusi 35mila emendamenti sui 47mila presentati. L'Aula del Senato aveva precedentemente bocciato entrambi gli emendamenti Gotor alla legge elettorale. Il primo emendamento a essere respinto - hanno votato contro 170 senatori, a favore 116 (tra cui M56), 5 gli astenuti - è stato quello volto a introdurre una proporzione del 70 e 30% tra eletti e nominati. Il Senato ha bocciato anche la seconda proposta con 168 no, 3 astensioni, mentre 108 senatori hanno votato a favore.

Il cosiddetto 'super canguro' ricalca l'Italicum 2 ma proceduralmente consente, se approvato, una drastica riduzione dei tempi. L'emendamento prevede: liste di candidati presentate in 20 circoscrizioni elettorali suddivise nell’insieme in 100 collegi plurinominali. In ciascuna lista i candidati sono presentati in ordine alternato per sesso, i capolista dello stesso sesso non eccedono il sessanta per cento del totale in ogni circoscrizione, nessuno può essere candidato, in più collegi, neppure di altra circoscrizione, salvo i capolista nel limite di dieci collegi.

Inoltre, l’elettore può esprimere fino a due preferenze, per candidati di sesso diverso tra quelli che non sono capolista; i seggi sono attribuiti su base nazionale con il metodo dei quozienti interi e dei più alti resti; accedono alla ripartizione dei seggi le liste che ottengono, su base nazionale, almeno il tre per cento dei voti validi; sono attribuiti comunque 340 seggi alla lista che ottiene, su base nazionale, almeno il 40 per cento dei voti validi o, in mancanza, a quella che prevale in un turno di ballottaggio tra le due con il maggior numero di voti, esclusa ogni forma di collegamento tra liste o di apparentamento tra i due turni di votazione.

Sono proclamati eletti, fino a concorrenza dei seggi che spettano a ciascuna lista in ogni circoscrizione, dapprima, i capolista nei collegi, quindi i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze; i collegi elettorali sono determinati con decreto legislativo da emanare entro il termine e secondo i principi e i criteri direttivi stabiliti dalla presente legge. C'è, infine, la 'clausola di salvaguardia, per cui la Camera dei deputati è eletta secondo le disposizioni della legge in questione a decorrere dal 1º luglio 2016.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-oroscopo
Annunci AdSense
sidebar
il Centro Tirreno - Quotidiano online
sidebar-meteo
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2