Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1

Abbiamo 431 visitatori e nessun utente online

Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
article-top

VIBO VALENTIA, trovato cadavere, amico confessa omicidio

Vibo Valentia e Provincia
Typography

Arrestato nella notte, dopo sparizione denunciò un'aggressione

VIBO VALENTIA, trovato cadavere, amico confessa omicidio
VIBO VALENTIA, trovato cadavere, amico confessa omicidio

VIBO VALENTIA, 28 FEB - E' stato arrestato nella notte Giuseppe Zangari, commerciante di 46 anni, di Spadola, che ha confessato l'omicidio dell'amico il commercialista Bruno Lacaria, di 52 anni, il cui cadavere è stato trovato ieri in una località non distante dal paese della provincia di Vibo Valentia. I resti di Lacaria, scomparso lo scorso 8 febbraio sono stati trovati dopo che Zangari, compare d'anello della vittima, ha reso ampia confessione indicando la posizione esatta del cadavere in una boscaglia. Il commerciante, che è accusato di omicidio, all'indomani della scomparsa di Lacaria era stato ricoverato, con prognosi riservata nel Reparto antiveleni dell'ospedale di Locri dopo avere denunciato di essere stato costretto, sotto la minaccia di una pistola, ad ingerire del pesticida. La versione di Zangari, secondo quanto emerso, risulterebbe essere stata una messinscena per sviare l'attenzione. Davanti all'ennesimo interrogatorio Zangari è crollato.

Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
article-botton
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home-2
Annunci CT Partner
home-2
Annunci CT Partner
home-2