Reggio Calabria: errori in ospedale, arrestati 4 medici
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 433 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Reggio Calabria: errori in ospedale, arrestati 4 medici

Reggio Calabria e Provincia
Typography

Quattro medici sono stati arrestati e posti ai domiciliari e altri 6 e un'ostetrica sono stati sospesi dalla professione in un'inchiesta della Procura di Reggio Calabria.

 

Secondo le indagini dei finanzieri del Nucleo di polizia tributaria del Comando provinciale, nei reparti di Ostetricia e Ginecologia, di Neonatologia e di Anestesia degli "Ospedali riuniti" di Reggio vi sarebbe stato un sistema di copertura illecito, condiviso dall'intero apparato sanitario, messo in atto in occasione di errori commessi in interventi su singole gestanti o pazienti per evitare di incorrere nelle responsabilità soprattutto giudiziarie. I presunti episodi riguardano la morte di due neonati e le lesioni irreversibili riportate da un altro bimbo, dichiarato invalido al 100 per cento. Alcuni degli indagati non sono più in servizio al Presidio ospedaliero "Bianchi-Melacrino-Morelli" (gli "Ospedali Riuniti").