Palermo: mafia, gdf sequestra beni per 15 milioni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct

Palermo: mafia, gdf sequestra beni per 15 milioni

Italia
Typography

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo ha sequestrato otto aziende, immobili, autovetture oltre a decine di rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 15 milioni di euro a Francesco Paolo Maniscalco, più volte arrestato e inquisito per mafia, figlio di Salvatore, storico appartenente alla famiglia mafiosa di Corso dei Mille.

 

La misura di prevenzione patrimoniale è stata disposta dalla sezione misura di prevenzione del Tribunale delle misure di prevenzione, su proposta del procuratore aggiunto Bernardo Petralia e del sostituto procuratore Calogero Ferrara. Tra le aziende sequestrate spicca, per valore economico e simbolico, il Bar San Domenico, nell'omonima piazza dinanzi la chiesa del "Pantheon degli eroi", ma anche altre note attività, quale la palestra "Body Club" di via Dante, oltre ad aziende operanti nel settore dolciario e della torrefazione del caffè.